Voce ai protagonisti nerazzurri dopo Pisa – Gubbio

PISA – Una vittoria che vale doppio quella di oggi guadagnata dal Pisa contro una rivale di spessore. Il Gubbio difatti, sebbene giochi quasi tutta la gara in dieci uomoni, non molla fino all’ultimo minuto mentre il Pisa sciupone, dopo il goal del vantaggio si mangia tantissime occasioni per raddoppiare e mettere in sicurezza la gara. Ma nel dopo partita è il momento delle riflessioni e prevale ovviamente in casa Pisa, la soddisfazione per questi punti che muovono la classifica e rilanciano il gruppo dopo un momento negativo. Così il capitano odierno Francesco Colombini dichiara:” Dobbiamo imparare ad essere cattivi nel momento giusto, non è importante far vedere un bel gioco e poi non concludere in termini di risultati. Oggi siamo stati meno belli ma abbiamo disputato una prova di carattere, forse abbiamo commesso qualche errore di troppo che comunque analizzeremo da martedì prossimo con il Mister.” E l’esperto difensore pisano ammette: “Il primo tempo lo abbiamo da subito impostato bene, non siamo solo stati bravi a chiudere la gara,e nel secondo tempo abbiamo lasciato troppo il pallino del gioco in mano agli avversari, ma sono contento perchè secondo me abbiamo disputato una partita tosta e gagliarda, siamo stati molto incisivi e con questi tre punti abbiamo ritrovato la serenità giusta per andare avanti fiduciosi.”

 Sulla stessa lunghezza d’onda anche il giovanissimo Andrea Barberis, autore del goal della vittoria nerazzurra ed uno dei migliori in campo di questa gara, che dichiara:”Nel secondo tempo siamo andati un pò in apnea e forse abbiamo subito un pò troppo il nostro avversario che comunque era ben messo in campo malgrado l’uomo in meno già dai primi minuti di gara. Il motivo di tutto questo.. forse la paura di perdere il controllo della gara e subire una sconfitta, visto che usciamo da un periodo non ottimale.” Ed in riferimento al goal realizzato ammette: “E’ stata un’azione molto bella su un cross perfetto di Benedetti, la palla è sfilata, Perez ha fatto il velo ed io mi sono trovato al posto giusto nel momento giusto, non mi è restato altro che concludere la palla in rete. Sono molto felice per questa realizzazione che dedico a me stesso.” Seppur godendosi le meritate ore di relax dopo questa vittoria conquistata sul campo, chiaramente il pensiero di un pò tutti è già orientato alla sfida contro il Perugia nel posticipo di lunedì prossimo, e difatti il centrocampista nerazzurro dichiara:”Nel girone di andata la partita vinta a Perugia è stata fondamentale per il nostro cammino, perchè da quel momento è iniziato per noi un periodo molto buono e positivo. Mi auguro che incontrando nuovamente il Perugia possa ripartire un ulteriore momento buono per il nostro gruppo.”

Anche Stefano Scappini che oggi è partito titolare in coppia d’attacco con Leo Perez, sottolinea l’importanza di questa vittoria sotto l’aspetto psicologico, definendola crocevia per un nuovo rilancio della sua squadra: “Mi è piaciuto molto lo spirito con il quale oggi abbiamo affrontato la gara, il primo tempo è iniziato subito bene per noi con l’espulsione di un nostro avversario e dopo il goal di Barberis, potevamo raddoppiare sia con Perez che ha preso una traversa, ma anche con me se non fosse che il portiere ha fatto un mezzo miracolo. In realtà venendo da un periodo caratterizzato da molte sconfitte, forse è subentrata un pò la paura che non ci ha permesso di concludere la gara nel migliore dei modi e forse soffrendo un pò troppo, ma vi assicuro che questi tre punti di oggi valgono il doppio, perchè da questo momento si riparte per noi un nuovo campionato con uno spirito rinnovato.” Dopo la buona prestazione in coppia con Perez nella semifinale di Coppa Italia a Viareggio, Mister Pane ha premiato l’attaccante perugino confermandolo titolare. “Sono contento di essere sceso in campo titolare e di aver fatto vedere cose buone in coppia con Perez, sebbene sia io che Tulli e lo stesso Perez abbiamo caratteristiche diverse ma che possono  essere ben mixate con i colleghi di reparto a seconda delle esigenze che il Mister ha di volta in volta.” E chiedendo che peso avrà per lui la gara di lunedì prossimo proprio contro il Perugia, sua città natale, ammette:”Lunedì sera sarà una partita davvero importante ma il rischio è di caricarla troppo di valore quando in realtà il campionato è ancora lungo, ci sono una decina di partite ancora da disputare ed è un campionato altamente equilibrato, dove tutti gli incontri possono metterti in difficoltà, e la partita a Barletta insegna.”

By