Venerdì al Verdi in sala Titta Ruffo convegno su “Relazioni pericolose. Vittime innocenti e vittime colpevoli”

PISA – Venerdì pomeriggio alle 15.30, nella Sala Titta Ruffo del Teatro Verdi, si terrà un importante convegno organizzato da Euremperius in collaborazione con la Fondazione Teatro di Pisa, l’associazione “La Vita oltre lo Specchio”, il Soroptimist Club e La Bottega del Parco, con il sostegno della Fondazione Pisa: Le relazioni pericolose. Vittime innocenti e vittime colpevoli. teatro-verdiAssociazione pisana sorta tra docenti universitari, magistrati ed avvocati che ha come scopo ‘la promozione e lo sviluppo di studi ed incontri scientifici  e divulgativi su temi giuridici di interesse europeo e nazionale con particolare riguardo alle tematiche relative ai diritti inviolabili delle persone ed alla loro tutela giurisdizionale’, Euremperius aveva già organizzato in passato alcuni incontri; oggi, con l’appuntamento di venerdì, ha scelto di focalizzare l’attenzione sul  problema delle  “vittime”, siano esse vittime di trafficking,  o di reati sessuali, o di  abusi “diversi”, per le devastanti conseguenze relative non solo ai soggetti interessati ma anche all’ambiente loro circostante.  Quindi se da un lato si parlerà di vittime innocenti di abusi sessuali (indipendentemente dal sesso), dall’altro ci si interrogherà anche sulle vittime  di relazioni pericolose intra/extra familiari  che possono comportare, fra  le altre conseguenze,  gravi disturbi del comportamento alimentare come la bulimia e l’anoressia. L’idea di base è quella di trattare questi due argomenti, apparentemente diversissimi, non  solo dall’ottica arida  del giurista, o  del sociologo per quel che attiene al mero dato statistico, ma cercando piuttosto di individuare possibili elementi di convergenza e spunti di ulteriore ricerca e approfondimento, partendo dall’ovvia riflessione su quanto “l’ascolto” sia essenziale tano per le vittime di reati sessuali, prima del processo, durante  e dopo,  quanto anche per tutte le altre vittime comunque abusate. Introdurrà e coordinerà l’incontro il sociologo Gian Franco Elia; trarrà le conclusioni la Presidente dell’Euremperius Virginia Messerini. Molti i temi trattati da diversi illustri relatori: Traficking, reati sessuali ed abusi nella loro dimensione transnazionale (Teresa-Angela Camelio, Senior Magistrate c/o Eurojust, L’Aia); L’abuso/non abuso nella sua tradizione storica (Massimo Giovanni Messina, storico del diritto); Le sciagure della virtù e la prosperità del vizio ( Charles Alunni, Docente di filosofia à l’Ecole Normale di Parigi); Il processo di vittimizzazione come minaccia all’identità” (Roberta Bisi,  Docente di sociologia giuridica, della devianza e del mutamento sociale c/o Università di Bologna); La vita oltre lo specchio (Patrizia Cappelletto – Avvocato , Pres.te Associazione) Non chiamatelo amore (Claudio Mencacci – Psichiatra, P. Presidente Società Italiana Psichiatria) L’eterno ritorno ( Simonetta Starnini -Psichiatra Azienda ASL Livorno e Antonio  Ciapparelli -Psichiatra, Docente Un. Pisa) ;  The Change (Niamh Ni Bhroin, scrittrice e musicista, parlerà della sua esperienza, mentre in sottofondo si sentiranno le sue canzoni); L’importanza dell’ambiente nell’ascolto del minore da parte del Giudice. Riflessioni da un’esperienza concreta (Anna M.L. Martini, Pass Pres.te Soroptimist Livorno);  Disturbi alimentari e corpi abusati ( Giovanni Gravina endocrinologo docente Università di Pisa);  L’influenza dell’abuso nell’insorgenza del DCA ( Gianna Di Loreto, psicologo).Nell’intervallo fra le varie relazioni gli allievi dei laboratori di Fare Teatro reciteranno una pièce sulla violenza sessuale. L’ingresso è libero, ma dato il limitato numero di posti, capienza dello spazio, posti sono limitati, è consigliata la prenotaziona: via e-mail lavitaoltrelospecchio@gmail.com o via fax allo 050504058.

By