Una pisana in lizza per il Parlamento: intervista alla Prof.ssa Maria Chiara Carrozza

PISA -Il segretario del PD Bersani , che è uscito rafforzato dalle Primarie svoltesi nel suo partito a Novembre, sta organizzando adesso il gruppo di uomini e donne, insieme ai quali intende ristabilire, qualora vincesse le elezioni politiche prossime, dignità al proprio Paese. E con questo intendimento è stata chiamata direttamente a partecipare la Prof.ssa Maria Chiara Carrozza, giovane rettore della Scuola Superiore Sant’Anna. Un grande riconoscimento quindi che vede protagonista una pisana, conosciuta e apprezzata a livello nazionale e non solo. Nata a Pisa il 16 settembre 1965 e laureata in fisica, Maria Chiara Carrozza, professoressa di biorobotica e dal 2007 Rettore del Sant’Anna con un curriculum vitae davvero apprezzabile, si appresta adesso a dare il proprio contributo in un campo piuttosto complesso, ma non per questo meno affascinante e impegnativo, quello della politica, in un momento davvero difficile per il nostro paese. E con grande energia ed entusiasmo ha risposto a questo invito del Segretario Bersani dichiarando: ”Ho accettato la proposta di Pierluigi Bersani per impegnarmi su temi che conosco bene: istruzione, ricerca, lavoro e innovazione in un momento cruciale per lo sviluppo dell’Italia, all’interno dell’Unione Europea”.

Alla domanda su che cosa si prova nell’essere scelta, tra molte personalità, a contribuire alla politica italiana ha risposto: ”Sono davvero onorata e al contempo consapevole che sia l’inizio di un nuovo ‘mestiere’ diverso da quello svolto fino a questo momento. Sarà richiesto un grande impegno perché il programma della coalizione di centrosinistra si affermi nella competizione elettorale. Questa è secondo il mio parere, la condizione essenziale per il rilancio democratico, economico e culturale, del nostro Paese”. E ci tiene a precisare cosa l’abbia spinta nello specifico ad accettare una proposta da parte del PD: ”Potrà sembrare banale, ma ho accettato la candidatura offerta da Bersani, perché ne condivido pienamente il programma di riforme per il lavoro, per la ricerca, la scuola e la formazione. Ho apprezzato tantissimo il modo con il quale il Partito Democratico ha cercato di riportare, in questo ultimo periodo, la società civile alla politica, ad un confronto anche aspro ma sempre sui contenuti e in uno stile di reciproco rispetto, che pareva ormai perduto nelle risse dei Partiti personali.” E  ancora alla domanda su quale sarà la parola chiave alla quale ispirarsi per governare il paese, dice:” L’equità, a cui sempre richiama Bersani e di cui nel recente passato non si è vista traccia, sarà l’impegno primario. Per esempio nel settore dell’istruzione e della ricerca pubblica, in cui ho professionalmente operato, è sacrosanto invocare i criteri di merito e i riconoscimenti dell’eccellenza, però in un contesto che cerchi di ristabilire, dall’asilo alla laurea, condizioni egualitarie di partenza e di realizzazione professionale.” Questa nuova avventura potrebbe anche implicare la possibilita’ di un’immediata rinuncia all’incarico che la Prof.ssa Carrozza ricopre nella scuola di perfezionamento universitario, a tal riguardo ha precisato: ” Mi consulterò con Giuliano Amato, il presidente della Scuola, e con i colleghi della Scuola per definire quale sarà il mio futuro all’interno del Sant’Anna, per il suo bene, che e’ il valore primario a cui guardare e che deve essere salvaguardato.”

You may also like

By