Torna a Pisa dopo oltre 40 anni il congresso nazionale di Microbiologia

PISA – Torna a Pisa dopo oltre 40 anni il congresso nazionale della Sim-Società italiana di microbiologia, nella città sede di una storica Università in cui si sono sviluppate scuole microbiologiche importanti in campo medico-biologico ed agrario, guidate da illustri microbiologi che hanno contribuito allo sviluppo della microbiologia italiana

Il programma scientifico dell’evento, che si terrà dal 25 al 28 settembre al Palazzo dei congressi (inizio alle 15.30), è stato predisposto dal comitato delle quattro sedi universitarie organizzatrici (Pisa, Firenze, Siena e Perugia) in collaborazione con il direttivo della società. Le sessioni, aperte da una speciale in memoria del professor Mario Campa, scomparso nel 2014, ospiteranno eminenti scienziati di levatura nazionale e internazionale con l’obiettivo di offrire un momento culturale e formativo di alto valore scientifico sulle principali tematiche di attualità in campo microbiologico, spaziando dai meccanismi che regolano le interazioni microrganismo-ospite, alle emergenze e ri-emergenze di vecchi e nuovi patogeni, alle resistenze ai farmaci antimicrobici, ai vaccini, senza trascurare le diverse problematiche di microbiologia clinica ed applicata e le innovazioni tecnologiche intervenute nei vari settori.

Le sessioni plenarie sono state organizzate, ove possibile, in modo da offrire un’occasione di confronto su argomenti di interesse generale, affrontati in modo multidisciplinare. Particolare spazio sarà dedicato ai giovani con numerosi interventi selezionati dagli abstract. Ci sarà poi la discussione dei poster e i primi tre classificati (per area tematica) riceveranno i premi istituiti dalla Fondazione Mario Campa, con cerimonia finale al termine del congresso, che ospiterà anche le elezioni degli organi societari Sim (direttivo e presidente). Infine quest’anno, per la prima volta, i contenuti del congresso verranno condivisi sui canali social e sul blog dedicato alla Sim, insieme a interviste ai relatori e numerose altre attività.

By