Sulla cattiva strada: in compagnia di un libro.

PISA – Siete curiosi di sapere dove può condurre una cattiva strada?

Per scoprirlo vi basterà andare sabato 10 settembre al Teatro Lux, dove la giovane casa editrice pisana MdS Editore presenterà al pubblico la più coraggiosa fra le sue collane di narrativa, quella Cattive strade, appunto, che proprio in questi giorni festeggia il suo primo anno di vita.

bart1Dichiaratamente ispirata alla quasi omonima canzone di Fabrizio De André e Francesco De Gregori e affidata alla direzione di Fabrizio Bartelloni – già curatore di due dei maggiori successi della casa editrice come il romanzo corale Sulle spallette alle nove e l’antologia a cornice Vituperio delle genti – l’ultima nata in casa MdS si propone di “raccogliere i resoconti, le annotazioni, i diari, i taccuini dei viaggiatori più audaci, che per scelta o per destino si sono trovati sulla storta via” e hanno esplorato “quegli anfratti più remoti dove s’annidano i nostri istinti e impulsi primari, le passioni più violente e dunque più sincere”, come si legge nella nota introduttiva al primo titolo della collana: Amore Privato, della scrittrice milanese Giulia Gennaro, torbida storia d’amore, di sesso e di passione tra una proustiana fanciulla in fiore e un burbero autore televisivo molto più maturo di lei.

Alla prima uscita hanno fatto quindi seguito Long Playing- vita a 33 giri di Giovanni Vannozzi, antologia a tempo di musica che attraverso 18 tracce sporche e graffianti come la musica di un vecchio vinile ripercorre trent’anni di vita pisana, e il recente La vita nascosta, romanzo d’esordio della giornalista di Repubblica Sara Ficocelli, che con una storia corale ci conduce alla scoperta di una Roma di frontiera, lontana dai palazzi e dai salotti eleganti, ma cuore vivo e pulsante della città, teatro della vita invisibile di chi sta ai margini così come dei balli in maschera di chi si barcamena con le proprie ipocrisie quotidiane. Sono pagine dure, tormentate, a tratti violente quelle che raccontano e descrivono la vita dei personaggi di queste “cattive strade”, pagine e vite in cui, tuttavia, “si può forse rintracciare più autenticità, più schiettezza, più verità di quanto non si riesca a fare mantenendoci fieri e impauriti dentro i confini della cosiddetta ‘normalità’, cauti e prudenti sul percorso segnato, senza smarrire mai la diritta via”, come spiega il curatore della collana, che insieme ai tre autori e alle letture di Annalisa Pardi e di Sara Teresa Russo della compagnia teatrale pisana Quieta Movere animerà la serata di presentazione. Non resta dunque che armarsi di coraggio, dimenticare i pregiudizi e avventurarsi in un viaggio attraverso “quel mondo di orchi e di mostri, a volte veri e a volte immaginari, che ognuno, nel corso della vita, ha prima o poi l’occasione di visitare”.

Il ritrovo è fissato per sabato 10 settembre alle 19,oo al Teatro Lux in Piazza Santa Caterina.

By