Sicurezza. Pisa si aggiudica contributo ministeriale: prevista l’installazione di sette nuove telecamere di videosorveglianza

PISA – Il Comune di Pisa si è aggiudicato un finanziamento di 53.320 euro dal Ministero dell’Interno sul progetto ‘Pisa sicura contro lo spaccio – Prevenzione e contrasto allo spaccio di stupefacenti’. Alla somma stanziata dal Ministero si aggiungono circa 70 mila euro di finanziamento comunale, per un totale di oltre 120 mila euro.

Il progetto, presentato nelle settimane scorse alla prefettura di Pisa, prevede un intervento di ampliamento dell’impianto di videosorveglianza urbana già esistente attraverso l’installazione, entro la fine del 2022, di 7 telecamere che andranno a coprire un’area del centro storico attualmente sprovvista di videosorveglianza, attraversata ogni giorno da un consistente flusso di turisti e caratterizzata dalla presenza della cosiddetta “movida”. Un’area, quindi, particolarmente soggetta al rischio di fenomeni delinquenziali legati allo spaccio e al consumo di droga. Le nuove telecamere saranno posizionate in: via Dalmazia, angolo via della Faggiola; via della Faggiola, angolo via Capponi; via Capponi, angolo via Martiri; via Carducci, angolo via San Giuseppe; a metà circa di Via Sant’Apollonia; a metà circa di via Consoli del Mare; piazzetta Bolelli.

Il progetto prevede inoltre il potenziamento, per un totale di 340 ore per gli anni 2021/2022, delle ore di straordinario della Polizia Municipale per attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di stupefacenti. Straordinari che potranno essere effettuati anche in orario serale o notturno e potranno prevedere l’impiego dei cani anti droga a disposizione della Polizia Municipale.

“Stiamo lavorando – dichiara il sindaco di Pisa Michele Conti – per estendere la rete della videosorveglianza in tutti i quartieri della città e le aree del centro che ne erano ancora sprovviste. Le telecamere che installiamo sono collegate con le centrali operative di tutte le forze dell’ordine, in modo da permettere a Carabinieri, Polizia e Polizia Municipale di visionare le immagini e disporre di uno strumento di controllo idoneo ad individuare i responsabili dei reati. La nostra Amministrazione sta investendo molte risorse per l’installazione di telecamere, nella convinzione che la videosorveglianza costituisca uno strumento di prevenzione e di contrasto efficace alle attività illegali e criminali, sia come strumento di indagine, che come elemento che agisce da deterrente. Dal nostro insediamento, nell’arco di circa tre anni, abbiamo già posizionato 42 nuove telecamere, arrivando a un totale di 137 apparecchi, mentre nei precedenti 10 anni, dal 2008 al 2018, ne erano state installate circa 90. Ma non ci fermiamo qui: oltre alle nuove telecamere che verranno installate anche grazie al contributo ministeriale sono già in programma interventi per implementare ulteriormente la videosorveglianza in centro storico e nelle periferie, a partire dal Cep».

“Prosegue in maniera assidua – dichiara l’assessore alle legalità, Giovanna Bonanno – il nostro impegno per garantire la sicurezza dei cittadini non soltanto con importanti, mirati interventi di Polizia Municipale per un serrato contrasto dei fenomeni delinquenziali, come dimostrano gli arresti conseguiti, ma anche in termini di prevenzione e deterrenza, con la piena attuazione del piano di implementazione della videosorveglianza che stiamo portando avanti sin dal nostro insediamento. Come amministrazione stiamo lavorando su tutti i fronti e per quanto riguarda l’ampliamento del sistema di videosorveglianza stiamo investendo rilevanti risorse per rispondere in modo concreto, efficace e tempestivo alle esigenze che provengono dai diversi quartieri della città. Il nostro obiettivo è quello di garantire un sistema di telecamere che riesca a coprire tutto il territorio comunale, dal centro storico ai quartieri periferici, notoriamente abbandonati da chi ci ha preceduto, al fine di assicurare, unitamente a tutte le azioni messe in programma, un aumento della sicurezza, anche percepita, in città. E certamente il reperimento di queste risorse attraverso finanziamenti costituisce un ulteriore, prezioso contributo”.

Le nuove telecamere andranno ad aggiungersi alle 42 già installate da giugno 2018 ad oggi: 21 installate un anno fa nei quartieri di Porta a Lucca, Porta a Mare e Porta Fiorentina, 13 installate nel quartiere di San Martino a maggio 2019, 2 postazioni per ampliare la videosorveglianza in zona Stazione in via Puccini e via Mascagni a maggio 2019, una telecamera aggiunta in zona Duomo (via Roma) a novembre 2019, 4 postazioni nuove a Putignano ad agosto 2019 e una telecamera al parcheggio di via Pietrasantina (in aggiunta alle 12 installate dal gestore del parcheggio) ad aprile 2020. E’ inoltre in fase di assegnazione la gara per l’installazione, prevista entro la fine del 2021, di altre 8 nuove telecamere: 4 in zone limitrofe a Corso Italia, 2 al Cep e 2 in zona via Luigi Russo e via Malagoli.

By