Serie BKT. Il punto sul campionato dopo la quinta giornata

PISA – Il Pisa “ingrana la quinta” e superando il Monza (2-1) fra le mura amiche, consolida il primo posto in Classifica portando a 3 i punti di vantaggio sulla più immediata inseguitrice, ovvero l’Ascoli che centra ad Alessandria il suo terzo successo esterno consecutivo.

di Giovanni Manenti

Il Brescia che riesce solo nel finale a strappare un punto a Frosinone, mentre il Benevento si fa sotto con una franca vittoria sul Cittadella e la Cremonese, al contrario, crolla in casa nella sfida con il Perugia. In coda, impennata della Ternana che sconfigge un Parma in crisi di identità, mentre restano ancora al palo sia Alessandria che Vicenza, con quest’ultima, battuta a Ferrara, che saluta il tecnico Di Carlo, rimpiazzato da Christian Brocchi.

Era dai tempi di Giampiero Ventura – Campionato 2007-’08, 6 vittorie consecutive dalla quinta alla decima giornata che il Pisa non metteva a segno una tale striscia vincente, ma la cosa più importante è costituita dall’autorevolezza con cui i ragazzi di Mister D’Angelo si sono imposti al cospetto di una delle grandi favorite della vigilia, mettendo in mostra una eccellente organizzazione di gioco che, favorita dalla rete in apertura su di una splendida iniziativa personale di Sibilli, ha bloccato sul nascere qualsiasi iniziativa avversaria, con Touré sugli scudi assieme ad un portentoso Lucca che ha coronato un’altra splendida prestazione con la rete del raddoppio che lo porta a quota 4 nella Classifica Cannonieri, ad una sola lunghezza dal vertice occupato da Corazza e Mulattieri, per poi permettersi anche il lusso di sprecare, dopo il punto messo a segno da Mota per gli ospiti (di gran lunga il migliore dei suoi …), un calcio di rigore che Gucher si è fatto respingere da Di Gregorio.


Alle spalle dei nerazzurri si è portato in beata solitudine l’Ascoli che ha pascolato sul verde prato del “Moccagatta” al cospetto di una Alessandria dalla difesa inguardabile (già 15 reti al passivo) che ha spianato ai bianconeri marchigiani la strada del successo per 3-1 regalando le prime due reti di Dionisi e Botteghin, con a farne le spese il 20enne estremo difensore Alessandro Russo, sostituito nell’intervallo, così da sopravanzare il Brescia che, al termine di un’emozionante sfida al “Benito Stirpe”, riesce a mantenere l’imbattibilità stagionale grazie ad una rete al 90′ di Moreo, abile ad anticipare di testa in uscita un po’ avventata Ravaglia per poi rischiare di portare a casa anche l’intera posta per un contatto più che sospetto fra Matteo Ricci e lo stesso Moreo non giudicato passibile della massima punizione da parte del Direttore di gara …
Al contrario dell’Ascoli, non sfrutta analoga possibilità di portarsi al secondo posto della Graduatoria la Cremonese che, nell’ultima gara del quinto turno, crolla clamorosamente per 0-3 in casa di fronte al Perugia che proprio in trasferta ha sinora raccolto 7 dei suoi 8 punti, con protagonista assoluto l’ex nerazzurro Francesco Lisi, che dapprima sblocca il risultato prima al quarto d’ora di gioco e poi fornisce di tacco a Zanandrea l’assist per il raddoppio, con i padroni di casa a non saper approfittare neppure della superiorità numerica per tutta la ripresa, venendo al contrario puniti dalla terza rete siglata da Kouan a poco più di 11′ dal termine, una sconfitta che comporta per i grigiorossi l’essere scavalcati in Classifica dal Benevento che fa suo il confronto diretto con il Cittadella dovendo ringraziare il suo attaccante principe Gianluca Lapadula che, mandato in campo da Caserta ad inizio ripresa, si sblocca mettendo a segno la tripletta che condanna i veneti ad una sconfitta il cui punteggio di 4-1 non rispecchia i valori espresso sul terreno di gioco.

A proposito di squadre in ripresa, vanno registrati i tre squilli del Lecce con cui i giallorossi salentini si impongono d’autorità sul campo di un Crotone ancora alla ricerca della sua prima vittoria stagionale e che sinora rappresenta una delle sorprese in negativo di questo inizio di Campionato, al pari del Parma che – dato come grande favorito alla vigilia assieme al Monza – incappa nella seconda sconfitta consecutiva consentendo alla Ternana di festeggiare il suo primo successo grazie ad una prestazione tutto cuore certificata dal 3-1 conclusivo di fronte ad una formazione emiliana che – al di là dell’assenza dello squalificato Vazquez – è sembrata “troppo brutta per essere vera”, e domenica è in programma al “Tardini” la sfida con la capolista.

Per il resto, si rimette in carreggiata la SPAL che supera per 3-2 il Vicenza e condanna il tecnico biancorosso Di Carlo all’esonero, mentre sorprende sempre più il Cosenza che, dopo un avvio incerto, colleziona il suo terzo risultato utile consecutivo rimandando sconfitto per 2-0 un Como giunto, viceversa, alla sua terza sconfitta consecutiva ed infine il Pordenone festeggia contemporaneamente sia il primo punto che la prima rete stagionale messa a segno da Magnino in chiusura di primo tempo, pur se non sufficiente a conquistare la vittoria, merito del sempre spietato Galabinov che, a 5′ dal termine, consente alla Reggina di confermarsi come una delle sole quattro formazioni (le altre sono Pisa, Brescia e Frosinone …) ancora imbattute.

Il tutto ovviamente, in attesa del sesto turno oramai alle porte, che vede come “match clou” sabato pomeriggio alle ore 14la sfida Ascoli-Brescia, ovvero la sfida fra le attuali seconda e terza forza di un torneo dove è proibito rilassarsi.

I RISULTATI DELLA QUINTA GIORNATA

Frosinone – Brescia 2-2

Benevento – Cittadella 4-1

Alessandria – Ascoli 1-3

Cosenza – Como 2-0

SPAL – Vicenza 3-2

Pordenone – Reggina 1-1

Pisa – Monza 2-1

Crotone – Lecce 0-3

Ternana – Parma 3-1

Cremonese – Perugia 0-3

LA NUOVA CLASSIFICA

PISA punti 15

Ascoli 12

Brescia 11

Benevento 10

Frosinone, Cremonese, Reggina, Cittadella 9

Perugia, Lecce 8

SPAL, Parma, Cosenza 7

Monza 6

Ternana 4

Crotone 3

Como 2

Pordenone 1

Vicenza, Alessandria 0

By