Sapienza, ad un anno dalla chiusura. Uno dei nodi del nuovo mandato di Filippeschi

PISA – Un anno fa chiudeva la Sapienza e la biblioteca Universitaria. La questione è sul tavolo del Governo e campeggia in cima alla lista degli impegni urgenti del nuovo mandato del Sindaco Marco Filippeschi.

Un impegno prioritario, inserito nel dossier-Pisa che Filippeschi porterà a Roma. “In questi cinque anni abbiamo lavorato bene sia con l’Unione Europea che con la Regione, ma non abbiamo ottenuto niente dal Governo – ha dichiarato il Sindaco – ora che Pisa è così ben rappresentata a Palazzo Chigi, è arrivato il momento di chiedere quello che ci spetta. Ora o mai più».

Una prima “missione” romana per portare l’attenzione sulla chiusura della Sapienza c’era stata il 19 luglio 2012, quando Filippeschi ed il Rettore dell’Università di Pisa, Massimo Augello, avevano incontrato il ministro dei Beni culturali, Lorenzo Ornaghi. In quell’occasione si ribadì che la Biblioteca Universitaria (di proprietà del MIBAC) sarebbe rimasta, dopo i lavori di consolidamento, all’interno della Sapienza.

Ora il Sindaco si prepara a tornare a Roma: “aspettiamo i risultati delle perizie degli esperti e poi subito riapriamo la questione con il Ministero, cercando una soluzione”.

tratto da comune.pisa.it

By