Sanità, 11 milioni di investimenti su Pisa Mazzeo, Nardini e Pieroni (Pd): “Soddisfazione, salto di qualità per i nostri ospedali”

FIRENZE – I consiglieri regionali Pd commentano gli 11 milioni di euro destinati a interventi di ristrutturazione e nuove dotazioni dei presidi ospedalieri pisani annunciati questa mattina dall’assessore alla sanità della Regione Toscana, Stefania Saccardi

“Undici milioni di euro di finanziamenti statali per la sanità pisana. Fondi importantissimi che erano bloccati da tempo ma che grazie alla sinergia tra istituzioni siamo riusciti a mettere in campo per portare avanti interventi fondamentali per le nostre comunità.

Si tratta di misure attese e necessarie per concretizzare a pieno la rete ospedaliera del territorio. Ringraziamo il Governo Renzi per aver completato con questi 74 milioni di euro le risorse assegnate alla Toscana, che in totale ammontavano a 129 milioni di euro, così come previsto dall’Accordo stipulato l’8 marzo 2013. Una svolta che accogliamo con grande positività, questi fondi serviranno a realizzare nuove strutture, riqualificarne alcune di quelle esistenti e acquistare tecnologie sanitarie.

Nello specifico arrivano oltre 3, 1 milioni di euro per la ristrutturazione e riconversione del centro dialisi dell’ospedale di Pontedera; 2 milioni per acquisto di tecnologie sanitarie nei presidi ospedalieri e territoriali; più di 3,1 milioni per la costruzione del nuovo distretto e del dipartimento della prevenzione nel comune di Ponsacco, oltre 3,3 milioni di euro per opere straordinarie nel presidio ospedaliero di Pontedera. Oltre a questi 900 mila euro vanno all’Azienda Ospedaliera Universitaria pisana per l’acquisto e l’installazione di una Gamma camera, macchinario di alta tecnologia che serve a rilevare la presenza di radioattività nel corpo umano”. Così Antonio Mazzeo, Alessandra Nardini e Andrea Pieroni, consiglieri regionali Pd commentano lo stanziamento di 11 milioni di euro per le strutture sanitarie del territorio pisano, annunciato questa mattina dall’assessore alla sanità, Stefania Saccardi.

“Secondo la tabella di marcia i lavori saranno portati a termine entro due anni. Dunque non possiamo che esprimere grande soddisfazione per quello che a breve sarà un salto di qualità per i nostri ospedali – concludono Mazzeo, Nardini e Pieorni – Oggi trovano risposta tante aspettative avanzate legittimamente dai nostri territori, in questo modo diamo gambe alla volontà di tutti noi di rafforzare e migliorare la dove ci sono criticità la sanità pubblica della Toscana, così come ci siamo prefissati anche con l’approvazione della riforma sanitaria regionale. Investire su ristrutturazioni e ammodernamento del comparto tecnologico significa investire risorse sulla salute dei cittadini, priorità su cui puntiamo costantemente”.

By