San Giuliano Terme. Emergenza abitativa: opportunità per i proprietari e salvaguardia del territorio.

SAN GIULIANO TERME – Nel territorio comunale numerose famiglie sono sul punto di perdere la casa per sfratto perché non in grado di onorare l’affitto o per l’esigenza dei proprietari di tornarne in possesso.

Oltre a queste non dobbiamo dimenticarci le tante domande pervenute al Comune per ottenere un alloggio di edilizia popolare. Le ragioni di tale situazione sono da ricercarsi nella difficile crisi economica che il nostro paese sta attraversando e che si fa sentire soprattutto nelle famiglie con reddito medio o medio basso.

SAN GIULIANOLa perdita del lavoro, la riduzione stessa del lavoro e il conseguente aumento di ragazzi in età lavorativa che lavoro non lo trovano, determinano una situazione di accentuata precarietà alla quale va ad aggiungersi non da ultimo il caro affitto che contribuisce non poco ad aggravare il quadro. Nel Comune di San Giuliano Terme molte sono le case sfitte e molti sono gli sfratti. Il mercato immobiliare è calato ma non per questo sono calati i prezzi in quanto la casa è considerata ancora oggi un bene sia per chi lo possiede sia per chi vuol disfarsene e spesso queste due condizioni non combaciano per oggettive difficoltà.

Cosa fare, allora? Interviene in proposito il Vice-Sindaco e Assessore alle politiche sociali ed emergenza abitativa Franco Marchetti: “Come Amministrazione stiamo muovendoci su diversi fronti, uno dei quali in attuazione della deliberazione regionale n ° 772 del 23 settembre 2014 che prevede il censimento delle case sfitte o invendute sul territorio. L’obiettivo è quello di verificare la possibilità di acquisto di appartamenti attraverso finanziamenti regionali da ascrivere nel patrimonio dell’ ERP e avere prima possibile

By