Pistoia ancora amara per il Pisa. Arancioni cinici, Nerazzurri poco concreti. Finisce 2-0

PISA – La Pistoiese si conferma ancora la bestia nera del Pisa. Con due gol (uno per tempo) la formazione di mister Lucarelli sconfigge i nerazzurri e guadagna il decimo punto nella classifica speciale dei derby del Granducato.

Una vittoria bugiarda, costruita più sugli errori difensivi del Pisa, che sulla bravura della squadra arancione, schiacciata per oltre 80′ nella propria area da un Pisa propositivo, mai visto in trasferta, che si è divorato un numero industriale di palle gol.

tifo pistoiese

Il Pisa si presenta a questo appuntamento in maglia nerazzurra, Pistoiese con la consueta casacca arancione. Partita subito vivace anche per quanto riguarda i fallì. Finiscono nel giro di pochi minuti sulla lista dei cattivi Piana e Calvano per la Pistoiese. È un Pisa che gioca bene e mette in difficoltà gli arancioni nella prima parte di gara. Al 12′ Arma imbeccato da una bella discesa di Dicuonzo calcia di sinistro sul fondo con il portiere della Pistoiese a terra che nulla avrebbe potuto se la palla fosse stata indirizzata verso la porta. La Pistoiese risponde con un destro dal limite di Di Bari: para Pelagotti. Ma al primo vero affondo e nel miglior momento dei nerazzurri, gli arancioni vanno in vantaggio Vassallo serve Coulibaly che entra in area dalla destra (con la difesa nerazzurra immobile) mette in mezzo restituendo il pallone allo stesso Vassallo, che di piatto destro, mette alle spalle dell’incolpevole Pelagotti: 1-0. La squadra di mister Lucarelli si ritrova in vantaggio. Il Pisa a questo punto prova ad ottenere il pareggio e schiaccia gli arancioni nella propria metà campo. Sono almeno tre le occasioni da rete create dai nerazzurri. Nella prima Morrone va giù in area. Dalle riprese tv si vede che il direttore di gara indica il dischetto, Rozzio a botta sicura con l’estremo difensore arancione che respinge la sfera. Proteste di alcuni giocatori nerazzurri che si erano accorti della segnalazione dell’arbitro. Nel finale di prima frazione prima Arma su traversone di Dicuonzo e poi Morrone (nel recupero) su cross di Sini dalla sinistra mettono a lato di testa. Si va al riposo dopo 4′ di recupero con gli arancioni in vantaggio per 1-0. Risultato che va stretto al Pisa.

Nella ripresa per il Pisa dentro Giovinco al posto di Beretta. I nerazzurri attaccano sin dai primi minuti della ripresa a testa bassa. Ma è ancora la Pistoiese a segnare. Piscitella si porta a spasso tutta la difesa nerazzurra, converge da sinistra verso il centro lascia partire un destro a giro che si insacca sotto l’incrocio dei pali: è il raddoppio per gli arancioni. Giovinco da vivacità alla manovra nerazzurra. Iori con una sassata con il destro impegna Olczac. Braglia cambia ancora. Fuori Costa, dentro Misuraca. Ed è subito Misuraca con un sinistro al volo ad impegnare il portiere polacco degli arancioni che devia in angolo. È un Pisa che fa la partita, la Pistoiese si fa vedere solo in contropiede con Coulibaly che alza la sfera sopra la traversa. Il Pisa ha l’occasione per segnare con Misuraca che all’interno dell’area piccola all’altezza del 20′ cerca il passaggio verso Arma. Incredibile. La palla non vuole entrare neanche qualche minuto più tardi quando Giovinco viene fermato in extremis in angolo. Porta stregata anche per Rozzio che colpisce di testa, para Olzcak e Arma che viene anticipato all’ultimo momento da Di Bari. La palla non vuole entrare. Termina dopo quattro minuti di recupero a Pistoia, il Pisa esce ancora una volta sconfitto in una gara di campionato al “Melani”.

You may also like

By