“Pisa+Green”, al via la campagna di comunicazione dopo l’approvazione del Piano urbano di mobilità sostenibile

PISA – Dopo l’approvazione del Piano urbano della mobilità sostenibile (PUMS) da parte del Consiglio Comunale, parte la campagna di comunicazione istituzionale del Comune di Pisa per sensibilizzare la cittadinanza sulla necessità di utilizzare mezzi alternativi a quelli inquinanti per gli spostamenti quotidiani.

“Pisa+Green” è una campagna visiva social e di affissioni tradizionali che ha l’obiettivo di far conoscere alla cittadinanza i contenuti del PUMS e di coinvolgere residenti e frequentatori della città nel raggiungimento degli obiettivi prefissati.

«Il 13 maggio scorso – dichiara l’assessore alla mobilità Massimo Dringoli – la nostra Amministrazione ha approvato Il Piano urbano della mobilità sostenibile che prevede una serie di azioni da realizzare nei prossimi 10 anni per migliorare la vita dei cittadini attraverso la riduzione dell’inquinamento atmosferico ed acustico. Il nostro lavoro programmato su questo fronte è in completa sintonia con quanto raccomandato dal Ministero delle Infrastrutture e delle mobilità sostenibili e con l’accordo di programma stabilito con i comuni di Livorno, Lucca e Firenze per una mobilità sostenibile di Area vasta. I principali obiettivi del piano sono incentivare il trasporto pubblico locale, sviluppare l’intermodalità, la mobilità ciclopedonale e le vie di acqua grazie al progetto che prevede di rendere navigabile l’Arno. Per raggiungere questi obiettivi è però necessaria la partecipazione di tutti e per questo abbiamo deciso di lanciare questa campagna di comunicazione, in modo da sensibilizzare la cittadinanza. La Giunta ha inoltre stanziato 150 mila euro per incentivare i cittadini a collaborare prevedendo, a partire dal mese di ottobre, una serie di incentivi e premialità per i cittadini che adotteranno comportamenti virtuosi da un punto di vista ambientale, attraverso l’utilizzo di una app che consentirà di monitorare i percorsi e le modalità di trasporto negli spostamenti».

Oltre alla campagna la Giunta comunale ha infatti dato il via libera a un meccanismo di premialità a favore di chi privilegia la mobilità sostenibile come previsto da “Mobilitando Pisa”, il progetto di cui è capofila il Comune di Pisa che incentiva nuovi percorsi sostenibili casa-scuola e casa-lavoro. Con la delibera di Giunta viene approvato il lavoro del tavolo tecnico di Mobilitando Pisa che ha proposto azioni di premialità, per la prima fase, dal valore complessivo di 150 mila euro che consistono nella distribuzione di buoni mobilità per chi si iscriverà al sistema GoodGO, una app attraverso cui gli utenti potranno fornire informazioni sulle proprie modalità di spostamento in città. Chi sceglierà la mobilità dolce potrà ricevere in premio abbonamenti settimanali al bike-sharing, sensori per antifurto bici, abbonamenti al servizio sharing monopattini, carnet di biglietti del servizio di trasporto pubblico locale e altre premialità in fase di definizione.

«Si tratta di una sfida che guarda al futuro – dichiara Andrea Bottone, amministratore unico di Pisamo – nella direzione di una interconnessione sempre più stretta tra le varie modalità di mobilità. L’obiettivo è rendere la città più fruibile, green, e a misura d’uomo, per essere al passo con le altre città europee in tema di ambiente e mobilità. Come Pisamo, braccio operativo del Comune, svolgeremo un ruolo di coordinamento in questo percorso che si dimostra senz’altro difficile ma che è ambizioso per rendere ancora più europea e moderna».

Dei meccanismi di premialità che partiranno nel prossimo autunno ha parlato Massimiliano Petri di Tages s.c., uno dei partner privati di Mobilitando Pisa: «Il progetto ha come scopo la promozione di politiche di mobilità sostenibile nel contesto cittadino, con particolare attenzione ai percorsi casa-scuola e casa-lavoro nel territorio di Pisa e dei comuni limitrofi. Prevede infatti un complesso insieme di interventi ed attività di varia natura per scoraggiare l’accesso alle scuole e ai luoghi di lavoro con l’auto ed incentivare l’uso delle due ruote, di mezzi pubblici e l’uso condiviso dell’auto privata, fino alla pedonalità in caso di spostamenti più limitati. A i cittadini che si dimostreranno più “sostenibili” saranno distribuiti buoni mobilità sotto forma di agevolazioni per l’acquisto di abbonamenti del Trasporto Pubblico (TPL) e sotto forma di premi (buoni mobilità) per i cittadini che utilizzano soluzioni di mobilità sostenibile, monitorati tramite le app sviluppate nel progetto e l’app di premialità GoodGO che sarà presentata nei prossimi mesi».

Tra gli obiettivi indicati nel PUMS vi sono entro il 2030 la diminuzione del 30% degli spostamenti in auto dentro la città, e il conseguente aumento del 20% dei passeggeri che utilizzano il trasporto pubblico locale,  e del 30% dei cittadini che utilizzano bici, mezzi elettrici e altri mezzi ecologici, anche in sharing. In questo modo sarà ridotto del 20% il tempo medio di spostamento, e potrà aumentare del 30% il numero di persone che vive entro 400 metri da una fermata di un mezzo pubblico (bus, tramvia, stazione di bike sharing). Si prevede anche una diminuzione del 40% del consumo di carburante. Questi marco-obiettivi si legano direttamente a quelli di carattere ecologico e sociale: – 20% di emissioni da traffico veicolare, -10% di inquinamento acustico, -30% di incidenti, +15% di inclusione sociale, +5% di occupazione.

By