Pisa – Viareggio: 1-0 Gatto punisce il Viareggio. Pisa torna nei play-off

PISA – Con un gol di Gatto il Pisa ha la meglio sul Viareggio. ma la notizia del giorno è che i nerazzurri tornano in zona play-off al quinto posto scavalcando il Benevento che non va oltre lo 0-0 a Frosinone. Ora la sosta permetterà a Pagliari di lavorare. A Prato mancheranno Mingazzini e Favasuli che erano in diffida e sono stati ammoniti.

Mister Pagliari conferma la formazione scesa in campo a Sorrento sette giorni fa. Buscè (a sinistra) e Fondi a destra sono infatti le novità sugli esterni. Pedrelli parte infatti dalla panchina. Per il resto schieramento confermato. Davanti a Sepe ci sono da destra verso sinistra Suagher, Carini, Sabato e Benedetti. In mediana spazio a Mingazzini e Favasuli. Davanti la coppia Scappini-Gatto. Il Viareggio dopo aver sperimentato senza successo il 4-3-3 con la Nocerina torna al 3-5-2. Cuoghi deve rinunciare al portiere Gazzoli, al suo posto Furlan (in panchina un ’96, Fontanelli). In difesa Lamorte Trocar e il rispolverato Fiale. Centrocampo a cinque con Peverelli e Martella sugli esterni, Pizza, Gemignani e Maltese in mediana. Davanti la coppia Giovinco-Magnaghi, che ha fatto vedere i sorci verdi al Pisa nel febbraio scorso quando i bianconeri vinsero all’Arena per 3-0 ed estromisero l’allora squadra di Pane dalla Coppa Italia Lega Pro dopo il successo del Pisa nella gara di andata per 3-1. All’Arena c’è il sole. temperatura quasi estiva, terreno in perfette condizioni. Pubblico intorno alle 4.000 unità. Prima del match due ricordi importanti: Emilio Virgili scomparso un anno fa, così come il giocatore Piermario Morosini, salutato con la scritta “Ciao Piermario”.

Il primo tempo. La gara parte in maniera molto tattica. Il Pisa parte bene. La prima occasione è per i nerazzurri al 10′. Angolo di Gatto respinta di Martella sui piedi di Buscè che a botta sicura calcia da posizione ravvicinata, ma Fiale devia in angolo. Il Pisa spinge e al 18′ sfiora ancora in gol con Carini che alza di testa sopra la traversa una punizione di Gatto. Si fa finalmente vedere il Viareggio, che con il passare dei minuti prende le misure al Pisa. Al 26′ cross di Giovinco da sinistra, Trocar in spaccata con la porta praticamente vuota mette alto. Botta e risposta due minuti più tardi con Maltese che perde palla sulla tre quarti, ne approfitta Buscè che si invola, salta Fiale, ma con il destro mette alto sopra la traversa. Al 37′ i nerazzurri ci provano ancora con Mingazzini che al volo dal limite mette sul fondo di pooco. E’ una gara non bella a livello squisitamente spettacolare. Si va avanti con giocate a sprazzi in una gara obiettivamente modesta, tra due squadre che tentano di superarsi a vicenda. Al 41′ il Viareggio si affaccia ancora dalle parti di Sepe. Cross da destra di Trocar per Magnaghi che arriva molle sul pallone e favorisce l’intervento dell’estremo difensore nerazzurro. Su capovolgimento di fronte, Gatto entra in area da destra dopo aver rubato palla a Lamorte, ma il suo diagonale termina a lato.

Il secondo tempo. Il secondo tempo inizia con gli stessi undicesimi. Al 3′ nelle file del Pisa fuori Fondi e dentro Rizzo. Al 6′ ammonito Mingazzini che in diffida salterà il Prato tra due settimane. Al 13′ il Pisa passa in vantaggio: Scappini ruba palla a Trocar e lancia in corridoio Gatto che batte Furlan con un preciso piatto destro. L’attaccante nerazzurro esulta togliendosi la maglietta e viene ammonito. Ma poco importa il Pisa è in vantaggio. L’Arena è una bolgia. Il Viareggio rimane anche in dieci al 18′: rosso diretto a Gemignani reo di un fallo da dietro su Carini. Al 22′ fuori proprio Carini e dentro Andrea Sbraga. Poco prima Giovinco veniva ammonito per simulazione. Al 36′ il Pisa ha una ghiotta occasione per poter raddoppiare Rizzo apre per Sbraga cross in mezzo per Scappini che con un tacco volante sfiora il palo. Al 38′ c’è spazio anche per Tulli in luogo dell’autore del gol Leonardo Gatto, che esce tra gli scroscianti applausi dell’Arena. Nei minuti finali non succede niente. Il Pisa vince e torna al quinto posto e quindi dentro ai play-off.

You may also like

By