Pisa, buona la prima per Favarin. 4-0 al Sestri Levante. Domenica prossima c’è la Salernitana

PISA – Il Pisa esordisce con un poker (4-0) al cospetto di un timido Sestri Levante nel primo turno ad eliminazione diretta della Coppa Italia Tim, si regala il match del 9 agosto all’Arechi di Salerno. I nerazzurri giocano bene, terminano tra gli applausi e dimostrano passi avanti rispetto ad una settimana fa.

image

Prima del match giusto riconoscimento a Joan e Barbana, due giocatori che hanno fatto la storia del Pisa che sono scomparsi pochi giorni fa. Il Pisa 1909 li ha voluti ricordare con le maglie dell’Associazione Cento esposte sotto la tribuna d’onore. I due giocatori sono stati salutati dalla Curva Nord con uno striscione “Joan e Barbana, simboli di chi lottava davvero”. Dopo il dovuto ricordo si due ex campioni nerazzurri il minuto di silenzio delle due squadre e il via alle danze della prima gara ufficiale della stagione. Il Pisa si presenta in completo nerazzurro, il Sestri Levante in completo bianco a strisce orizzontali alte rossoblù.

IL PRIMO TEMPO. Mister Favarin ripropone come nelle prime due uscite il 4-2-3-1. Davanti a Bacci ci sono Golubovic, Rozzio, il riabilitato Lisuzzo, con Polverini spostato sull’out di sinistra. Davanti alla difesa spazio a Caponi e Provenzano. Nei tre di centrocampo Losi, Peralta e Starita. L’unica punta è Antonio Montella. L’inizio del match è molto lento, il caldo torrido influisce e le gambe pesanti della preparazione pure. Alla prima vera azione da rete però il Pisa passa in vantaggio. Caponi recupera una bella palla a centrocampo e serve Montella, che controlla con il sinistro e lascia partire un tiro forte e preciso che termina la sua corsa nell’angolino basso alla sinistra di Stancampiano, uno dei portieri meno battuti del panorama nazionale della serie D: 1-0 e primi applausi di un Arena da pochi intimi, ma considerando la data in cui si gioca e l’entusiasmo sotto i tacchi non possiamo lamentarci. Il pubblico di Pisa ha sempre un grande amore per i suoi colori e la sua squadra. Ottenuto il vantaggio il Pisa si distrae e al 10′ Losi sugli sviluppi di un angolo ospite, stende quasi involontariamente Migoni. Per il Sig. Giovani è rigore. Sul dischetto si presenta l’ex nerazzurro Boisfer, ma Bacci si distende sulla propria destra e intercetta il tiro deviando la sfera in angolo. Passata la paura (per quella che rimarrà l’unica occasione dei liguri nella prima frazione) i nerazzurri si sciolgono di minuto in minuto. Intanto Favarin aveva ritoccato l’assetto tattico. Losi che aveva iniziato a sinistra veniva spostato sulla corsia di destra dove sicuramente ha reso maggiormente. Poco prima dell’inversione di fascia il numero undici nerazzurro impegnava a terra il portiere del Sestri. Nel finale di primo tempo arrivano gli alti due gol nerazzurri. Al 35′ su angolo di Starita, Polverini stacca più in alto di tutti ed in torsione gira verso l’angolo alla destra di Stancampiano, mentre tre minuti più tardi Losi servito da Caponi (autentico ruba palloni) lascia partire un cross da destra dove Starita al centro dell’area incorna in rete: 3-0 netto con il Sestri in bambola. Un risultato un po’ a sorpresa visto la sconfitta subita contro il Ponsacco.

image

IL SECONDO TEMPO. Nessun cambio nella ripresa per i due tecnici, che lasciano invariati i due schieramenti. Il Pisa ha subito due occasioni prima con Peralta (conclusione che termina sul fondo) e poi con l’attivissimo Starita imbeccato da Montella: il suo sinistro termina alto sopra la traversa. Ad inizio ripresa da segnalare anche l’ammonizione a Migoni che viene richiamato subito in panchina da mister Raimondi in luogo del nuovo acquisto d’attacco Francesco Zizzari che fa il suo esordio con la sua nuova maglia. Poco dopo è l’ora della doccia per Giovanni Scampini, al suo posto Besana. È una gara che non ha più niente da dire, chiusa da nerazzurri nella prima frazione. I ragazzi di Raimondi cercano il gol della bandiera: al 20′ ci prova dal limite dell’area Boisfer, ma il suo destro è fiacco e Bacci può bloccare agevolmente a terra. È un Pisa che mantiene bene il campo, gestisce un match semplice, senza però mai deconcentrarsi, non tralasciando le sortite offensive, soprattutto sulla corsia di sinistra, dove Starita dimostra di avere una buona gamba e anche qualche gesto tecnico apprezzabile. Ed è proprio Starita che al 26′ va in pressing, ruba palla sulla tre quarti al portiere del Sestri, si avvia verso la porta sguarnita e deposita in gol per il 4-0 nerazzurro e la sua prima doppietta stagionale più che meritata. Poco dopo i primi due cambi nel Pisa: dapprima Losi lascia il posto a Bracci, poco dopo Maresca subentra a Montella. C’è spazio per gli applausi anche per Starita rilevato da Giannarelli. Al 42′ destro a giro proprio del nuovo entrato Maresca, con palla di poco alta sopra la traversa. È di fatto l’ultima azione del match che si chiude con un poker bene augurante e con la squadra e Gabriel Raimondi chiamati sotto la Curva.

You may also like

By