Il personaggio. Federico Dionisi, osservato speciale domani sera al “Matusa”

PISA – Forse anche più dell’ariete Daniel Ciofani, che domani forse si accomoderà in panchina, il Pisa dovrà guardarsi dalla mezz’ala frusinate Federico Dionisi, il quale ha risolto da par suo il delicato “derby ciociaro” contro il Latina la scorsa settimana, sbloccando il risultato ad inizio ripresa con una conclusione “velenosa” da fuori con la palla che si è infilata nell’angolo basso alla destra di Pinsoglio.

di Giovanni Manenti

Dionisi ha replicato poco dopo l’ora di gioco sfruttando un lancio smarcante del subentrato Sammarco e ha superato con un delizioso tocco di esterno destro il portiere in uscita, regalando così al Frosinone tre punti preziosi che hanno consentito alla formazione di Mister Marino di rimediare al “passo falso” di Brescia della seconda giornata.

La pericolosità del quasi trentenne attaccante reatino non è data tanto, o quanto meno non solo, dal suo passato con la maglia amaranto del Livorno, nelle cui fila ha militato per tre intere stagioni tra i Cadetti realizzando 35 reti, andando ogni anno in doppia cifra, quanto dalla sua abilità nello smarcarsi operando su tutto il fronte dell’attacco, pronto agli inserimenti, ma anche dotato di un buon tiro da fuori, un attaccante insomma che non dà punti di riferimento e che, pertanto, risulta difficile da marcare, come dimostra il suo rendimento a Frosinone, dove nell’anno della Promozione mise a segno 14 reti ed anche l’anno scorso, al cospetto delle difese di Serie A, il suo “bottino” di 9 reti non è assolutamente da disprezzare. Non è il solo a cui bisogna fare attenzione, ma sicuramente è un giocatore che ha nelle corde giocate importanti.

Foto tratta da www.passionedelcalcio.it

By