Per la prima volta a Pisa la mostra-scambio materiale da collezione calcistico

PISA – Per la prima volta nella nostra città si è svolta la mostra scambio di materiale esclusivamente calcistico. Il tutto è stato organizzato dall’Associazione Cento.

Dopo il grande successo nell’organizzazione del ritorno di Klaus Berggreen a Pisa un buon numero di persone ha accompagnato nella suggestiva location dell’Arena Garibaldi il 91° “Ritrovo Nazionale Unioncollezionisti di Calcio“.

Gli stand della mostra-scambio all’Arena (Foto Massimo Ficini)

Ritorno al passato. che ci ha riportato qualche anno indietro e ci ha fatto rivivere i momenti in cui il vecchio e glorioso Pisa Sc calcava i palcoscenici della serie A. Molte cartoline in esposizione raffiguravano i vari capitani e le varie maglie nerazzurre con associati i campioni del passato. Molti gli espositori giunti da tutte le parti d’Italia hanno fatto da cornice a questa importante manifestazione.

Un altra immagine della mostra (Foto Massimo Ficini)

Una storia lunga 32 anni. L’Unione collezionisti è nata nel 2002 dalla fusione della FICMC (Federazione Italianaa Collezionisti Materiale Calcio) fondata a Milano il 10 Marzo 1979 con il CCC Club (Club Collezionisti Calcio) fondato a Genova il 16 Febbraio 1990. Gianni Lavarello è stato presidente della FICMC dal 1984 al 1989, presidente del CCC ’90 dal 1990 al 2001 ed oggi è il presidente dell’Unioncollezionisti Calcio dal 2002.

Il presidente dell’Unioncollezionisti. “Sono appassionato di collezionisti ed ho intrapreso questa attività dagli anni ’70 – ha detto Gianni Lavarello –  è una passione che mi porto dietro da anni Solitamente i collezionisti cercano oggettistica come spille, gagliardetti maglie, sciarpe, album passati di figurine. Tutto materiale che riguarda il calcio”.

Il presidente dell’Unioncollezionismo  Gianni Lavarello (Foto Massimo Ficini)

L’Associazione Cento. Molto soddisfatto della riuscita della manifestazione l’Associazione Cento. Nicola Giglioni uno dei membri sottolinea l’importanza dell’evento che per la prima volta si svolge nella nostra città: “La location è suggestiva e potrebbe essere il luogo ideale per una nostra futura sede come le grandi squadre (Inter e Milan). In questo modo lo stadio potrebbe essere vissuto sette giorni su sette. Siamo soddisfatti della riuscita perchè abbiamo trovato nei vari stand cose che ci interessavano come pubblicazioni vendute negli anni ’80 e gagliardetti che arricchiranno ancora di più il nostro museo. Siamo contenti anche delle adesioni. Abbiamo avuto espositori che sono venuti da Napoli, Roma, Grosseto e Genova. Come prima volta penso che sia stata molto positiva”

You may also like

By