Nella storia recente del Siena tanta serie A e la ripartenza dalla D

PISA –  Il Siena, prossimo avversario dei nerazzurri, è una neopromossa. Infatti i bianconeri nella scorsa stagione hanno vinto il campionato di Serie D, nel quale erano stati costretti a ripartire dopo il fallimento dell’estate 2014. Logo_Robur_Siena_CalcioLa Robur Siena ha infatti preso il posto dell’Associazione calcio Siena che, negli ultimi sedici anni aveva vissuto tra Serie A e B. Dopo alcuni passaggi societari, la svolta del Siena avviene nel 1999, quando alcuni imprenditori, tra cui l’attuale presidente Ponte, rilevano la società. Il campionato di C1 1999-00 vede i bianconeri trionfare con un solo punto di vantaggio sul Pisa, anche se si parlò molto di un presunto tentativo di combine non rilevato però dalla giustizia sportiva. La prima annata in cadetteria è complicata: il tecnico Papadopulo prima viene esonerato, poi richiamato e solo all’ultima giornata riesce a salvare la squadra. Intanto dal punto di vista societario, il patron diventa Paolo De Luca che scriverà gli anni più intensi e ricchi di soddisfazioni per la società senese. Nella stagione 2002-03 il Siena ottiene la prima storica promozione in A vincendo il campionato di Serie B. Nelle stagioni successive, la formazione bianconera cambia molto ma riesce sempre a salvarsi, talvolta con qualche affanno, in altre circostanze anche con alcune giornate d’anticipo ottenendo il tredicesimo posto quale miglior piazzamento. Nel 2007 però muore De Luca e la società passa a Giovanni Stronati che nel 2010 la cede a Massimo Mezzaroma. Nel frattempo però i tempi cambiano. Il Monte dei Paschi spesso era intervenuto a coprire molte falle, poi i rubinetti si sono chiusi e sono cominciati i guai. Nel 2010 la formazione retrocede in B dopo sette stagioni consecutive in A. La risalita però è immediata, con Antonio Conte in panchina che dall’esperienza di Siena prende il via per la sua carriera. Il ritorno in Serie A vale la salvezza e la semi finale di coppa Italia, ma nella stagione successiva 2012-13 un nuovo capitombolo, cui non riescono a porre rimedio Serse Cosmi e Beppe Iachini. Mezzaroma in grande difficoltà riesce ad iscrivere la formazione alla Serie B, ma la squadra delude anche perché riceve una penalizzazione di otto punti, a causa di alcuni mancati pagamenti ai propri tesserati. A fine stagione la giustizia sportiva estromette il Siena dalla Serie B e torna così in ballo a distanza di quindici anni Antonio Ponte (che nel passato si era avvicinato anche al Pisa) che iscrive la squadra alla Serie D, ottenendo la vittoria del campionato e lo scudetto dilettanti contro l’Akragas.

 

By