Navacchio ha il suo distretto produttivo ad energia verde

PISA – Trasformare l’insediamento commerciale-industriale di Navacchio (Cascina) in un distretto produttivo alimentato solo da energie rinnovabili: geotermia, solare termico, mini eolico e biomasse. E’ l’idea del Comune di Cascina, competente per territorio, che ha chiesto aiuto al Consorzio per lo sviluppo delle aree geotermiche (Cosvig), costituito nel 1988 e oggi braccio operativo della Regione Toscana per la gestione della segreteria del Polo energia della Regione.

20141217-002058.jpg

L’intesa tra il Comune e Cosvig è stata firmata oggi e prevede la redazione di uno studio di fattibilità per rendere il distretto produttivo di Navacchio completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.

Tecnicamente si proverà a sviluppare un prototipo di telecondizionamento multifonte, alimentato da solare termico, da un impianto a biomasse e da pompe di calore geotermiche e le fonti energetiche localmente disponibili sono rappresentate da una discarica in fase di dismissione la cui fascia di rispetto può essere utilizzata per ospitare un impianto solare a concentrazione, due falde acquifere a profondità comprese tra i 40 e di 150 metri con temperature di 17-22 gradi che possono essere utilizzate per ricavare energia geotermica capace di far risparmiare 8.084 tonnellate di anidride carbonica emessa in atmosfera ogni anno e le superfici degli ampi parcheggi a servizio dei centri vendita e i tetti degli immobili commerciali possono ospitare impianti solari fotovoltaici.

Fonte: ANSA

You may also like

By