Nasce a Pisa PoStiT, lo sportello anti stalking. Sara’ inaugurato il 13 Maggio

PISA – Nasce a Pisa PoStiT, acronimo di Postazione, più semplicemente lo sportello antistalking . L’iaugurazione è prevista per il 13 maggio. PoStiT è nato su iniziativa congiunta di vari enti promotori: la Provincia di Pisa e la Regione Toscana, insieme all’associazione Oltretutto ed il Comune di Cascina.

Si potrà accedere al servizio tramite contatto telefonico, dal lunedì al venerdì in orario 9-18, al numero 3662753616 oppure attraverso la posta elettronica, con la e-mail sportellostalking@gmail.com e offrirà consulenze di tipo legale oltre che psicologico.

L’auspicio del pool promotore è creare una rete di solidarietà con gli altri centri anti-stalking presenti in Toscana e con i centri antiviolenza attivi sul territorio (Telefono Donna a Pisa, Eunice a Pontedera, Frida a San Miniato, Amiche di Mafalda a Pomarance). L’Associazione Oltretutto interverrà nella pausa pranzo durante la manifestazione sotto la Logge dei Banchi sabato 11 maggio, Quello che le donne vogliono, mentre il 21 maggio, a Sud, il locale in Via Case Dipinte, ci sarà un aperitivo di autopromozione, alle 19.30.

Presenti alla conferenza stampa, l’Assessore Anna Romei, la presidente dell’Associazione Oltretutto, Sabrina Costantini e l’assessore del Comune di Cascina, Fernando Mellea, oltre alle consulenti legali ed alle psicologhe.

 

Ad annunciare l’operazione sono stati i rappresentati dello stesso pool promotore: per la Provincia l’assessore alle pari opportunità Anna Romei; per il Comune di Cascina l’assessore Fernando Mellea; per “Oltretutto” la presidente Sabrina Costantini.

“Lo sportello – dicono – sarà protetto (non individuabile, cioè: per ovvie ragioni di sicurezza) e fornirà gratuitamente un supporto completo (con percorsi legali e sostegno psicologico) a tutte le vittime di stalking, a prescindere dall’essere donne o meno. Sebbene infatti la maggior parte dei fenomeni di morbosità persecutoria colpisca ‘al femminile’, si tende a trascurare che ben un terzo degli episodi ha come bersaglio un uomo. Né si tratta di un fenomeno connesso a differenze razziali o di condizione socio-economica”. Operativamente l’accesso al servizio (rivolto anche agli stalker stessi, se lo vorranno) avverrà tramite contatto telefonico, dal lunedì al venerdì in orario 9-18, al numero 366-2753616; oppure attraverso l’e-mail sportellostalking@gmail.com.

“Altri due aspetti da evidenziare circa lo stalking”, prosegue Sabrina Costantini, “sono, primo, la deriva non di rado fisica delle molestie esercitate inizialmente sotto la forma delle insistenze; e secondo, il potenziale comunque devastante di questa esperienza (anche quando non sfocia in aggressioni, stupri, omicidi) per coloro che la subiscono: perché possono uscirne distrutte, psicologicamente, moralmente o magari economicamente”.

E la difesa contro le violenze di ogni sorta è un terreno su cui è impegnata da sempre la Provincia di Pisa. “In anni di lavoro – dice l’assessore Romei – abbiamo costruito reti di solidarietà e avviato progetti di valenza regionale (la Toscana è fra le poche realtà in Italia ad avere un sistema strutturato su questo fronte) ma anche nazionale. Con attività che vanno dalle campagne permanenti di info-sensibilizzazione, alla creazione di case protette per vittime di maltrattamenti, tratta a scopo di sfruttamento sessuale e stalking; passando per il supporto ai centri antiviolenza territoriale (Telefono Donna a Pisa, Eunice a Pontedera, Frida a San Miniato, Amiche di Mafalda a Pomarance)”.

20130510-195024.jpg

By