Microcriminalità. Espulso tunisino ritenuto un capo dello spaccio di droga

PISA – Durante alcuni controlli della Polizia nel centro della città, gli agenti hanno sottoposto a controllo Zeidi Mahdi, nato in Tunisia il 05.05.1985, domiciliato a Cascina (PI), dopo che l’uomo aveva tentato di sfuggire: è stato trovato in possesso di due dosi di eroina e denaro di vario taglio.

L’uomo è stato dichiarato in arresto per flagrante detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo ulteriori accertamenti si è scoperto che l’extracomunitario era stato già arrestato il 31 luglio scorso per detenzione di 31 grammi di eroina e nell’occasione aveva ingaggiato una colluttazione con un carabiniere procurandogli lesioni refertate in giorni 14. Per questa ragione era stato sottoposto al provvedimento dell’obbligo di dimora nel comune di Cascina, provvedimento al quale, essendo stato trovato a Pisa aveva evidentemente contravvenuto. Il P.M. di turno ha convalidato l’arresto disponendo l’immediata liberazione ai sensi dell’art.121 att. C.P.P. fissando il giudizio immediato per il 16 dicembre 2014. Un altro uomo, D.C. campano classe 1972, domiciliato a Castelfiorentino è stato controllato, nel pomeriggio di ieri, in viale Bonaini nell’atto di iniettarsi stupefacente in una vena del collo. Sottoposto a controllo con le dovute cautele gli agenti lo hanno altresì trovato in possesso di ulteriore dose di eroina pari a gr.0,3. È stata

auto-poliziaquindi inoltrata la segnalazione ex art. 75 Legge 309/90 alla Prefettura di Firenze.

Nel corso di mirati servizi di rastrellamento gli agenti hanno individuato altresì un pericolo spacciatore di nazionalità tunisina ed un cittadino albanese. Il tunisino viene indicato come uno dei capi gestiva lo spaccio di droga nella zona del centro. La Polizia è riuscita dapprima ad individuarlo e successivamente a catturarlo. Malgrado i sospetti non è stato trovato in possesso di droga, evidentemente detenuta da altri galoppini, ma fermato in pieno centro, accertato, lo stato di clandestinità ed irregolarità sul territorio nazionale è stato condotto in Questura. Espulso dal territorio nazionale è stato condotto accompagnamento coatto al CIE di Bari. L’albanese sarà accompagnato presso un altro CIE indicato dal Ministero dell’Interno.Sono stati altresì effettuati, nell’ambito della stessa operazione anche due controlli di natura amministrativa a “mini-market ” in via Gramsci.I servizi saranno ripetuti a testimonianza della cosciente attenzione rivolta alle problematiche espresse da cittadini ed operatori di settore di qual quartiere.

Fonte: Questura di Pisa

You may also like

By