Maurizio Nerini (NaP): “L’uomo delle ghiaie ha detto no!”

PISA – “Pensavo di dover chiude l’anno senza parlane più, ma l’appellativo scherzoso che mi sono guadagnato “l’uomo delle ghiaie” mi sta perseguitando.
Il cantiere delle celle 4 e 5 a Marina è fermo e a sentire le voci di corridoio resterà fermo ancora per un bel po’.

Ci avevano promesso percorsi stabiliti e precisi per i mezzi pesanti che attraversavano Marina di Pisa ,ma non ce n’è stato di bisogno : l’approvvigionamento dei materiali ghiaiosi si è interrotto per i problemi derivati dall’alluvioni in zona Apuane e forse anche perché le dimensioni e le caratteristiche dl materiale non erano quelle di progetto, bastava guardare le montagne di ghiaia scura accatastate per rendersene conto.

noiadessopisasmall

Ci avevano promesso un cronoprogramma dei lavori con aggiornamenti serrati, ma qualsiasi programma sembra essere saltato a causa della rottura della draga, un guasto di dimensioni notevoli che ha costretto lo stop del mezzo al porto di La Spezia. Nel frattempo sono ancora in attesa dell’esito dell’esposto fatto all’ ARPAT che è stato tramesso alla sede di Pisa per competenza, circa la natura della sabbia aspirata dalla draga e ributtata sotto la ghiaia.

Il fatto è che davvero i tempi si dilatano e stavolta c’è poco da dare la colpa a proteste e maltempo, le nostre paure si concretizzano giorno dopo giorno, la possibilità che i lavori non si concludano ne a febbraio ne a marzo ,ma interessino la stagione estiva prossima è più che evidente e tutti quei vantaggi che avevano raccontato non sappiamo più dove siano.
Si è “risparmiato” sulla nostra pelle, sul nostro ambiente , sul nostro mare e nel farlo si è stati colpevolmente silenti quando c’era da prendere tempo, quando il progetto è stato cambiato in corsa, e chiassosamente arroganti quando c’era da far pesare regolamenti poi più volte disattesi.

La calma, la disponibilità e la pazienza dei Marinesi ha un limite, non siamo disposti a farci prendere in giro ulteriormente. Qualcuno scrisse questa estate sui pannelli del cantiere che impedivano la vista del mare dell’ OLTRAGGIO A MARINA, bene l’oltraggio continua ad essere perpetrato!

Fonte: Maurizio Nerini – Circolo del Litorale di Noi Adesso Pis@

By