Leonardo Bianchi: “A Pisa sono stati sei mesi difficili. Nessun rancore. Pelagotti è un grande portiere”

PISA – Con l’arrivo di Luca Strizzolo alla corte di Mister Pagliuca anche un altro ex nerazzurro Leonardo Bisnchi , classe 1992, senese di Bettolle, che ha militato nel Pisa di mister Pane due stagioni fa, arrivando all’ombra della Torre nel mercato di Gennaio si è accasato alla Lucchese.

Grazie, Leo, di aver accettato il nostro invito: sei nella Lucchese, come sta andando?

“Direi che siamo partiti bene, l’altra sera con la Carrarese abbiamo disputato una buona gara, forse ancora manca un pò di lucidità, ma siamo un gruppo forte ed unito e continuiamo a lavorare per arrivare al meglio per l’inizio del campionato”.

Poi avete un Mister come Guido Pagliuca è molto tosto…

“Si, è vero, Pagliuca è sicuramente tosto, ma oltre ad essere un grande Mister è una bravissima persona, Se io sono qui a Lucca devo dire anche grazie a lui, perché nel ritiro di Coreglia non era certa la mia permanenza in rossonero”.

Arrivi a Lucca dopo l’esperienza nel Gavorrano: che esperienza è stata quella in Maremma?

“Lo scorso anno a Gavorrano, a livello personale, ho giocato con continuità, mentre a livello di squadra, purtroppo non è stata un annata positiva. Sono rimasto in buonissimi rapoorti con quella società ed auguro di cuore al Gavorrano di risalire nei professionisti prima possibile”.

Adesso parliamo del breve periodo nel quale sei stato a Pisa, che ricordi hai?

“A Pisa per me è stato un anno un pò difficile, che mi ha segnato in quanto ero venuto lì dopo essere stato in prima squadra nell’Empoli per poter dimostrare tutto il mio valore. Purtroppo sono stati sei mesi difficili, dove non ho mai avuto spazio e non ho mai giocato. Però con tutto ciò ci tengo a sottolineare che non ho assolutamente nulla contro la gente e la città di Pisa, dove conservo tutt’ora delle sincere amicizie”.

20140813-175649.jpg

LEONARDO BIANCHI (foto pisanews.net)

Passiamo al Pisa attuale, hai avuto modo di informarti, che te ne pare?

“Da quello che leggo, vedo che è stata costruita una squadra importante, con giocatori di categoria superiore, poi conosco il direttore sportivo Pino Vitale, che se va in una piazza vuole assolutamente fare bene”.

Ma conosci anche alcuni giocatori dell’attuale rosa nerazzurra?

“Conosco Francesco Finocchio, per averci giocato insieme in Nazionale giovanile e conosco Pelagotti, mio compagno nell’Empoli e ti posso dire che è un grande portiere ed una grandissima persona. Il resto dei giocatori li conosco solo di fama, in quanto quelli che c’erano ai miei tempi, tipo Mingazzini, Sabato, Favasuli e Pugliesi ecc.non ci sono più”.

Quest’anno il Pisa lo incontrerai nel derby del Foro con la Lucchese, che partita sarà per te?

“Per me sarà una partita come tutte le altre, poi ci sono partite, dove ti senti qualcosa dentro per dimostrare magari a chi non ha creduto in te il tuo valore. Però io penso a fare il bene della Lucchese, indipendentemente dal fatto che incontri il Pisa, la Carrarese, la Pistoiese, il Grosseto, il Pontedera o il Tuttocuoio”.

By