L’avversario ai raggi X: la Pro Piacenza. I rossoneri approdano per la prima volta nella loro storia nei Pro

PISA – Sabato pomeriggio alle ore 14.30 sul terreno del “Leonardo Garilli” la capolista Pisa cerchera’ di riconfermare il proprio primato solitario in classifica contro l’ultima della classe, la neopromossa Pro Piacenza, per la prima volta nella sua storia in un campionato professionistico.

Ebbene si la formazione rossonera allenata da mister Arnaldo Franzini nata dal 1919 e nel corso della sua storia barcamenatasi tra Serie D e tornei inferiori non e’ da confondere con il piu’ blasonato Piacenza Calcio, la compagine biancorossa in serie A meno di 15 anni fa e due anni fa andata incontro al fallimento. Oggi il Piacenza Calcio milita in serie D e sta allestendo uno squadrone per tentare una rapida risalita e disputare chissa’ un avvincente derby cittadino contro i cugini della Pro, che intanto dopo un avvio straordinario caratterizzato da due successi consecutivi, hanno pero’ subito tre sconfitte consecutive, che non sono bastate ad annullare del tutto la penalizzazione di -8 inflitta dalla Lega Calcio a seguito dello schieramento in campo nel corso della passata stagione di un giocatore squalificato, il difensore Luca Santi.

20140924-201638.jpg

Dunque sara’ uno scontro testa-coda quello a cui assisteremo sabato pomeriggio, in cui i nerazzurri dovranno stare attenti come a Savona e fronteggiare la veemenza di una formazione offensiva, schierata da Mr Franzini con un consolidato 4-3-3. Il -2 in classifica brucia come l’esito degli ultimi match persi piu’ per ingenuita’ dei singoli che per manifesta inferiorita’ del gruppo. Ma diamo un rapido sguardo ai probabili 11 che dovrebbero scendere sul terreno di gioco dal primo minuto contro i nerazzurri.

Tra i pali ci sara’ il diciannovenne ex Cremonese Donnarumma, e davanti a lui linea a 4 con al centro il faro della difesa Bini (classe 1989 ex Mantova) e il mediano adattato Jacopo Silva, 1991 piacentino doc. La corsia di destra come sempre avra’ come padrone Castellana (1995), mentre dall’altra parte complice la squalifica del titolare Sane’ mister Franzini potrebbe far esordire un altro diciannovenne, l’italo-argentino Gino Ballarini. Tuttavia in alternativa potrebbe scalare di alcuni metri all’indietro rispetto alla sua posizione abituale di interno sinistro il centrocampista Porcino (classe 1988) scuola Cittadella.

Nel reparto nevralgico del campo spazio al rientro dell’estro di Aliboni (classe 1987) prelevato quest’estate dalla Lucchese, supportato dall’ex Sassuolo Schiavini (1990) e dall’esordiente Marmiroli (1994), nel caso in cui Porcino venga dirottato in difesa. Davanti le due ali saranno verosimilmente a destra il capitano Matteassi (79), alla Pro dall’estate 2011, e sull’altro versante Caboni (87), cresciuto nelle fila della compagine sarda della Torres. Di punta l’esperto attaccante classe 1982, Omar Torri, con trascorsi in serie B con l’Albinoleffe. Occhio pero’ ai subentri di due giovani molto interessanti come l’attaccante centrale Speziale (1994), in prestito dalla Primavera del Milan, e l’esterno destro Mella (1993), scuola Inter.

 

By