L’Assessore David Gay condivide la posizione di Pieroni sui guai del trasporto pubblico cittadino

PISA – Bene ha fatto il Presidente Pieroni a chiedere, con forza, interventi decisivi al CDA di CTT. A Pisa (come purtroppo in altre realtà), ormai, come non succedeva più da anni, si assiste ad un continuo salto di corse, a bus fermi in mezzo alla strada, a ritardi non più tollerabili, soprattutto con la riapertura delle scuole. E non solo sulle linee interurbane, ma anche su quelle urbane.

Per una città come la nostra , che fa del servizio di trasporto pubblico il mezzo per diminuire il traffico privato e migliorare così la qualità della vita, è un bel problema. Gli utenti stanno abbandonando il servizio e non sarà facile riconquistarli anche perché la gara regionale per il gestore unico ancora non è stata aggiudicata. Nei prossimi giorni mi recherò al deposito di CTT per capire come sia possibile che così tanti bus siano fermi, ma credo che il consiglio di amministrazione di CTT non possa restare inerte di fronte ad una tale situazione. Continueremo a contestare formalmente e a monitorare i disservizi, e abbiamo anche chiesto, nel dettaglio, i provvedimenti adottati per far fronte a tale situazione; ma tutto ciò non può essere trattato come mero adempimento formale; occorre un impegno più incisivo di CTT a tutti i livelli.

20140926-234106.jpg

DAVID GAY INSIEME A BRUNO PIZZUL (foto tratta da pisainformaflash.it)

Sono consapevole che la responsabilità non possa essere interamente addossata al consiglio di amministrazione tanto che ho scritto una lettera anche all’assessore regionale per chiedere spiegazioni degli ulteriori ritardi nella gara regionale. Ma aldilà delle singole responsabilità, è necessario che l’azienda già dalle prossime ore dia un segnale inequivocabile, alla città e agli utenti di un impegno straordinario per garantire, soprattutto a studenti e pendolari, un livello adeguato del servizio.

David Gay, Assessore ai trasporti Comune di Pisa

By