L’arrivo degli Scout continua senza intoppi. Alcune impressioni a S. Rossore. Presente anche Don Antonio Mazzi

PISA – Si concluderà questa sera intorno alle ore 23 l’arrivo dei circa 35.000 scout a S. Rossore, per la Route Nazionale 2014 Agesci, “Strade di Coraggio e Diritti al Futuro”. Intanto questo pomeriggio la macchina organizzativa ha continuato a lavorare senza intoppi, in vista della giornata inaugurale di domani.

Dopo l’accoglienza dei primi scout arrivati martedì in tarda serata dalla Sardegna e dalla Corsica da questa mattina sono continuati gli arrivi. Un via vai di pullman incessanti sul Viale delle Cascine, che però non ha causato alcun disagio per l’ottima organizzazione che ha messo in campo molti volontari Agesci. Oltre 1.500 sono tutt’ora impiegati fino alla fine dell’evento nel Quartiere di Servizio ubicato accanto a quello dell’Accoglienza. Nel giorno dell’arrivo degli Scout anche Don Antonio Mazzi, non ha voluto mancare a questo appuntamento. Domani alle ore 18 si terrà la cerimonia di apertura del campo alla presenza del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il presidente della Provincia Andrea Pieroni, il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi e l’Assessore regionale della Toscana Vittorio Bugli.

20140806-173614.jpg

DON ANTONIO MAZZI

Francesco Del Siena uno dei primi scout arrivati questa mattina a S. Rossore dice: “Eravamo con altri tre clan, Lentini 2, Nocera Superiore e Mira 2 in provincia di Venezia. Siamo partisti da S. Sepolcro sentiero Francescano che parte da Assisi e arriva a Laverna in provincia di Arezzo. I ragazzi hanno voglia di buttarsi in un nuovo modo di vivere lo scoutismo. Lo scout non è solo l’uomo dei monti, ma adesso aiuta anche la comunità. Vedo una grande organizzazione, il viaggio è stato bello l’accoglienza altrettanto, lo scenario è particolare e sono sicuro che sarà un ottima Route”.

Andrea e Lucia sono figli di scout e arrivano da Faenza: “Nutriamo molte aspettative su questa Route, la cosa e ben strutturata – dice Andrea, che ha già’ un esperienza importante in fatto di Route visto la sua partecipazione al raduno nazionale di Jamboree in Svezia. Lucia invece parla del tema ricorrente di questa Route, il Coraggio: “Coraggio vuol dire anche dire le cose diverse dalla maggioranza, coraggio vuol dire affrontare le cose di tutti i giorni”.

20140806-174120.jpg

ANDREA E LUCIA (foto pisanews.net)

Nel nostro tragitto incontriamo Rosanna arrivata dalla lontana Messina, un viaggio lunghissimo fino a S. Rossore: “Da quarant’anni faccio la scout, sono stata coinvolta sin da piccola e sono contenta di questa mia scelta. L’unico neo? Non sono riuscita in tutti questi anni ad eliminare il maledetto vizio del fumo, perché una delle nostre regole è in fumare”.

Stefano De Paolis invece e’ il capo scout arrivato da Guidonia. Condivide con sua moglie questa passione da anni: “E’ un avventura faticosa ma molto bella. In viaggio abbiamo scattato fotografie, i ragazzi si sono divertiti tantissimo. Hanno costruito, pensato, studiato per lotte nella parte mobile. Si sono confrontati democraticamente per quello che sarà un passaggio Importnte che porterà alla Carta del Coraggio”.

20140806-173858.jpg

STEFANO DE PAOLIS (foto pisanews.net)

By