La Sezione Bersaglieri di Pisa piange il suo presidente, il Prof. Luigi Esuli

PISA – La sezione dei Bersaglieri “Curtatone e Montanara” di Pisa, piange la scomparsa del suo Presidente Professor Luigi Esuli.

La bara è stata benedetta dal Parroco di Fivizzano dove Luigi Esuli era molto conosciuto e apprezzato e dove trascorreva le sue vacanze.

La chiesa era gremita da tanti conoscenti e amici oltre al figlio Andrea e dai famigliari, nel rispetto delle norme Anti-Covid 19. Presente il Labaro della sezione pisana dei Bersaglieri, della sezione Provinciale Bersaglieri, della sezione di Ponsacco, della sezione di Santa Croce e del Cuoio Pisano, degli Alpini e numerosi Bersaglieri e inscritti della sezione di Pisa “Curtatone e Montanara”.

Luigi Esuli era laureato in lettere e ha svolto la professione di insegnante. Attraverso studi Approfonditi e ricerche, si è sempre dedicato alla storia del territorio Toscano scrivendo libri come “Pons ad Serclum – Ponte a Serchio” Pontasserchio un secolo di storia, 1850 – 1950, “Fivizzano nella storia” , di Pietro Tedeschi un’opera preziosa ma poco conosciuta, “La passione motociclistica a Pisa negli anni ’50 e dintorni”, “Angelo Sambuchi e gli altri per una storia del Risorgimento a Fivizzano”.

Si è dedicato con attenzione al Risorgimento Italiano e alla nascita e alla storia del Corpo dei Bersaglieri. In particolare si è dedicato ai Bersaglieri Toscani che hanno ricevuto medaglie e onorificenze al Valor Militare e al supporto che hanno svolto nel territorio Pisano e alla popolazione durante Alluvioni, Terremoti e Pandemie.

Luigi Esuli ha inoltre fatto ricerche storiche e scritto diversi testi dedicati ai Bersaglieri pisani. Ricordiamo “I bersaglieri pisani a Montanara” le nobili origini della sezione, “Le alluvioni dimenticate a Pisa”, 1869-1872 storie d’Arno, di ponti e di bersaglieri, “Il Battaglione civico Pisano-Senese a Montanara”, “Il Restauro Conservativo del Monumento a Garibaldi e Mazzini”, Albo d’oro del Secondo battaglione civico fiorentino.

Era sempre presente ai raduni e alle Manifestazioni Storiche e alle Cerimonie ufficiali ha sempre portato il suo prezioso contributo. Ha favorito con il suo operato la conoscenza e la diffusione della storia e della memoria che devono sempre essere mantenute vive, specialmente tra i giovani. Lo ricorderemo sempre sorridente, con il cappello piumato, Vanto e Onore del Corpo dei Bersaglieri”, conclude la nota della sezione Bersaglieri di Pisa.

Nella foto sopra a destra Luigi Esuli. A sinistra, suo predecessore Renzo Ciampi scomparso una settima prima

By