JuJitsu. La WJJF ospite della 46esima Brigata Aerea. Le foto

PISA – La “World Ju­Jitsu Federation” (WJJF), e’ stata ospitata nei giorni scorsi dalla 46esima Brigata Aerea, che in nome del Generale Boi, ha messo a disposizione risorse umane e logistiche essenziali al successo della manifestazione.

20141217-230621.jpg

LA GIORNATA. Il reparto che è stato attivato nella fase iniziale dell’evento è stato il PUMAS, l’ufficio della Brigata che ha il compito di gestire e organizzare attività sociali e sportive e grazie alla grande competenza del suo comandante, il T.Col Riva, è riuscito a pianificare le fasi salienti della giornata coinvolgendo anche altre aree della Base, come l’ufficio che gestisce le attività di mensa che sotto l’esperta guida del suo responsabile, il LGT Granata, ha saputo accogliere in maniera perfetta tutti gli atleti con i propri accompagnatori. La parte operativa durante tutto lo sviluppo intenso della giornata, è stata coordinata dal prezioso lavoro del LGT Luzzi, che ha prestato la sua attenzione ad organizzare e gestire il grande flusso del personale civile all’interno della base, coadiuvato dal valido contributo del M.llo Puzone, del M.llo Agostinelli e del M.llo Pecene, sottufficiale di giornata, hanno dato modo di far vedere una delle più importanti qualità di questa Base, l’accoglienza e la disponibilità. La giornata si è sviluppata in due fase, la mattina è stata dedicata a due ore e mezzo di seminario tecnico diviso in tre gruppi ed il pomeriggio, dopo il pranzo, la visita guidata. Gli SHIHAN che hanno accolto l’invito del Maestro Di Cristofaro sono tra i più validi rappresentanti italiani della WJJF, lo SHIHAN Livio Cesare Proia 7° dan, Direttore Tecnico del settore ju­jitsu della FESIK, lo SHIHAN Guido Nicoli 6° dan, lo SHIHAN Andrea Colombini Presidente della PMA ITALIA, gli SHIHAN Gianni Ronchini e David Gobbi del KAMI Center nel Veneto, mentre per il settore AIKIDO, disciplina ospite, era presente il Sensei Michele Giaconi. Prima dell’inzio del lavoro sul tatami, lo SHIHAN Di Cristofaro ha fatto gli onori di casa ringraziando la 46° Brigata Aerea insieme al suo comandante per aver sposato il progetto. Dopo la presentazione dei Master e le consegna delle targhe commemorative, sono iniziate le sessioni di allenamento, i sei Maestri si sono alternati mostrando tutte le potenzialità dello stile di ju­jitsu del SOKE R. Clark facendo si che la mattinata passasse in maniera intensa. Ogni SHIHAN aveva a disposizione 20 min. a gruppo per mostrare e far provare la personale espressione della “dolce arte”, finito il seminario tecnico tutti a far la doccia e poi ricco pranzo del “guerriero”. La seconda parte è stata dedicata alla scoperta del ruolo operativo della Brigata Aerea e delle realtà che con le sue missioni affronta giornalmente, grazie alle spiegazioni dei suoi piloti tutti quanti hanno compreso i difficili scenari che nel mondo la 46° Brigata Aerea affronta quando è in missione in rappresentanza della nostra amata patria e di come il valore del suo personale dia lustro all’Italia.

20141217-230709.jpg

RINGRAZIAMENTI. La WJJF necessario fare dei ringrazia il Team del Maestro Di Cristofaro che ha dato una forte mano logistica sia nei giorni precedenti la manifestazione che il giorno stesso, specialmente i Maestri Zipoli e Giusto che sono stati presenti in tutti i sopralluoghi, ma anche a tutti gli allievi della “Bushido Martial Academy”(bushido-academy.it), centro di formazione marziale diretto dallo SHIHAN Di Cristofaro e presente a FORNACETTE (PI) e NAVACCHIO(PI), per aver alimentato il progetto. Grande emozione per tutti i presenti per aver avuto modo di respirare un po di quella cordialità e professionalità che ha reso famosa questa Base in tutto il mondo, grazie alle straordinarie qualità umane del suo personale, e grande soddisfazione per aver avuto la possibilità di allenarsi insieme a SHIHAN e Maestri di così alto valore tecnico. Speriamo di poter ripetere questo appuntamento in maniera da far incontrare un’altra volta queste due prestigiose realtà che hanno in comune una vocazione internazionale.

20141217-231028.jpg

LA STORIA. La WJJF e’ una delle più grandi federazioni mondiali di ju­jitsu (in giapponese la “dolce arte”) presente in 55 paesi del mondo abbracciando tutti e 5 i continenti. E’ nata nel 1976 dal SOKE Robert Clark e dallo SHIKE Giacomo Spartaco Bertoletti, si è fatta apprezzare per il suo profilo universale come stile di ju­jitsu, venendo riconosciuto da tutti i Marzialisti come “moderno” dal momento che le forme e i programmi di ju­jitsu studiati nella “World”, come viene chiamata generalmente, sono la naturale derivazione del ju­jitsu tradizionale giapponese, che è caratterizzato da movimenti molto più ampi. Nello Stile di SOKE Clark, le basi del ju­jitsu vengono applicate per lo sviluppo di tecniche rapide e precise, mirate alla totale neutralizzazione dell’avversario.

By