Inaugurata al Galilei l’esposizione di una copia della Madonna lignea di Giovanni Pisano

PISA – Inaugurata presso l’aeroporto di Pisa l’esposizione della copia lignea della Madonna con Bambino di Giovanni Pisano (1298) realizzata dallo scultore Vincenzo Fancelli nel 1946, oggi esposta presso la Sala Vip dell’Aeroporto Galilei. madonna_lignea_aeroportoAlla conferenza stampa erano presenti Gina Giani, Amministratore Delegato e Direttore Generale SAT S.p.A., Piera Orvietani, Vice Presidente Amici dei Musei e dei Monumenti Pisani, Stalin Poli, cultore di opere d’arte e proprietario della scultura, Dario Matteoni, Direttore Museo di San Matteo. Gli Amici dei Musei e dei Monumenti Pisani, in felice collaborazione con SAT – Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei – S.p.A., che gestisce lo scalo, e con il sig. Stalin Poli, cultore d’arte e proprietario della scultura, hanno deciso di offrire alla vista dei visitatori e viaggiatori che transitano per Pisa quest’opera unica, precedentemente esposta presso il Museo di San Matteo a cura del Dott. Matteoni. L’originale di Giovanni Pisano (1298) è oggi custodita presso il Museo dell’Opera del Duomo, chiuso temporaneamente per restauro. Riguardo all’opera Dario Matteoni, Direttore del Museo Nazionale di S. Matteo, ha commentato: “L’opera scolpita da Vincenzo Fancelli nel 1946 è una perfetta riproduzione nel legno del capolavoro in avorio di Giovanni Pisano. L’originale, attualmente conservato presso il Museo dell’Opera, era destinato nel 1298 a far parte di un gruppo di statue, tutte in avorio, poste sopra l’altare maggiore del Duomo. La particolarità della scultura consiste nella sinuosa posa che asseconda la forma della zanna, donando grazia e movimento alla figura: tale grazia è compresa dallo scultore contemporaneo, che la reinterpreta utilizzando però un materiale considerato meno nobile come il legno. Copiare modelli è un esercizio praticato da sempre dagli artisti. Significa cimentarsi nel comprendere le leggi del linguaggio dell’arte e costituisce una spinta fondamentale per elaborare un proprio autonomo percorso. Per uno scultore pisano come Fancelli il confronto con il passato non poteva non coincidere con il Medioevo, un’epoca in cui i pisani raggiunsero un vero e proprio primato in questa tecnica artistica. Il pregevole esercizio dell’artista si inscrive infatti nell’ambito di una mostra fondamentale per la vita culturale della città, inaugurata proprio nel 1946 e dedicata alla Scultura Pisana del Trecento. Fu un irripetibile momento per raccogliere e vedere insieme un numero elevato di opere poste al riparo o scampate dai bombardamenti e rappresentò un’occasione di ripartenza dopo la devastazione della guerra. Quella memorabile mostra inaugurò poi, nel 1949, lo spazio dell’ex convento di San Matteo come sede del Museo Nazionale. E per ricordare quei frangenti, in un’ottica di rivisitazione delle vicende che hanno portato alla nascita del Museo, si è deciso di esporre questa pregevole copia realizzata nell’entusiasmante clima della ricostruzione”. Gina Giani, Amministratore Delegato e Direttore Generale SAT S.p.A. ha dichiarato: “Come sempre è un piacere per noi ospitare in aeroporto iniziative volte alla promozione dell’arte, in tutte le sue forme, ed è singolare proporre al passeggero la riproduzione di un’opera di uno dei più importanti scultori toscani del Medioevo, che rivive grazie alla mano esperta di Vincenzo Fancelli ed all’iniziativa de Gli Amici dei Musei e dei Monumenti Pisani, da anni in prima linea nella valorizzazione della cultura locale”.

By