In Brasile un cordone ombelicale donato a Pisa sconfiggerà la leucemia?

PISA – A San Paolo, in Brasile, forse verrà sconfitta la leucemia grazie a un cordone ombelicale donato a Pisa.

DONATRICE – Una madre, nel 2008 aveva donato il cordone ombelicale. Sono in tante quelle che decidono di donarlo. Fino a poco tempo fa, infatti, il cordone ombelicale veniva considerato “materiale di scarto”, e ancora oggi viene buttato via, senza una richiesta esplicita da parte della madre.

ITER BUROCRATICO – La richiesta è arrivata all’Aoup il 3 agosto e, dopo solo dieci giorni, lo speciale contenitore per il trasporto del sangue del cordone (dry shipper) era pronto per essere inviato. Un ottimo risultato, considerando che le procedure internazionali prevedono 2 mesi per le richieste normali, e 15 giorni per quelle urgenti.

SODDISFAZIONE – Ma la soddisfazione non deriva solo dai tempi record in cui sono stati effettuati gli esami e preparata la dettagliata documentazione richiesta dai severissimi standard internazionali. Come sottolinea il dott. Fabrizio Scatena – direttore dell’unità operativa Medicina trasfusionale e biologia dei trapianti – l’unità di sangue da trapiantare viene scelta a livello mondiale all’interno di un database dove confluiscono i dati dei vari registri donatori nazionali. I medici brasiliani disponevano, a livello mondiale, di una rosa di ospedali dove era conservato sangue compatibile con quello del loro paziente: Pisa è stata scelta perché il sangue risultava di qualità più alta, ovvero con un numero di cellule nucleate e staminali più elevato.

INFORMAZIONI – È grazie all’esistenza di una rete – mondiale e pubblica – che i pazienti affetti da leucemie possono sperare di trovare un donatore compatibile.
Per chi volesse ulteriori informazioni sulla donazione di cordone ombelicale e di sangue di midollo osseo può rivolgersi alla dott. Patrizia Urciuoli (tel 050 995522) o alla dott.ssa Cristina Manganelli Uncini, presidente della sezione pisana dell’Adisco (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale, tel 050 996703).

You may also like

By