Imu sui terreni agricoli, Volterra chiede l’esenzione

VOLTERRA – La città di Volterra chiede l’esenzione dall‘Imu sui terreni agricoli– La Giunta ha infatti approvato un odg che sarà portato in Consiglio Comunale.

Il Sindaco Buselli afferma: “Non ci si può riferire solo all’altimetria perché ci sono altri parametri di valutazione come l’orografia, il deficit infrastrutturale e la densità di popolazione, riconosciuti a livello europeo”.

StemmaComune volterraUn ordine del giorno per chiedere l’esenzione Imu dei terreni agricoli che si trovano nel territorio di Volterra. A redigerlo la Giunta che lo porterà in approvazione in Consiglio Comunale per chiedere al Governo la sospensione del pagamento dell’imposta per l’anno 2014 oltre all’attivazione di un tavolo di concertazione con gli enti locali e le associazioni di rappresentanza, Anci e Uncem per confrontarsi sulle modalità di attuazione. «Non è ammissibile che il Governo approvi con così poco preavviso un decreto che introduce una nuova tassa in Comuni fino ad ora esenti, come Volterra – spiega il sindaco Marco Buselli – anche in considerazione della difficile congiuntura economica che tutta Italia sta vivendo». Inadeguate risultano in particolare le tre fasce altimetriche individuate dal Governo per il pagamento dell’Imu. «Non ci si può riferire solo all’altimetria – aggiunge il primo cittadino -, perché ci sono altri parametri di valutazione come l’orografia, il deficit infrastrutturale e la densità di popolazione dei territori, parametri che sono riconosciuti anche a livello europeo». Nel dettaglio il decreto individua tre fasce: i terreni dei comuni con altitudine del centro sopra 600 metri saranno esenti; i terreni dei comuni con altitudine dal centro compresa tra 281 metri e 600 metri saranno esenti solo se di proprietà di coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali; i terreni dei comuni con altitudine dal centro fino a 280 metri saranno tutti oggetto di imposta. Sono esenti dall’Imu i terreni a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile. Questo significa che solo 1.578 comuni beneficeranno dell’esenzione totale Imu rispetto ai 3.524 attuali; 2.568 avranno invece un’esenzione parziale, che si limita ai coltivatori diretti e agli imprenditori agricoli professionali. I restanti contribuenti, 3.912 Comuni, dovranno pagare entro il 16 dicembre tutta l’imposta sui terreni relativa al 2014.

By