Il punto del presidente Giuseppe Corrado su centro sportivo e nuovo stadio

PISA – A margine della conferenza stampa di presentazione del nuovo sponsor della sezione femminile del Pisa Sporting Club, il Presidente Giuseppe Corrado si è intrattenuto con i rappresentanti degli organi di informazione per fare il punto sulla situazione strutturale della società. in particolare per ciò che riguarda la costruzione del nuovo centro sportivo nel quartiere di Gagno e le sue ricadute sul progetto di riqualificazione dell’Arena Garibaldi.

di Giovanni Manenti

Sprizza ottimismo, il Presidente Corrado: “Posso garantire che il progetto relativo al nuovo centro sportivo sia oramai in fase avanzatissima, dato che restano da definire alcuni aspetti di carattere burocratico, ma non ostativo, anche perché, rispetto a quanto avvenuto per la ristrutturazione dell’Arena Garibaldi, non c’è stato bisogno di attendere alcuna variante urbanistica da parte dell’amministrazione comunale, in quanto si tratta semplicemente di trasformare delle aree da agricole in aree sportive. Un qualcosa che ritengo di facile ottenimento anche perché il progetto consentirà di risanare un’intera zona con indubbi vantaggi per il quartiere che potrà usufruire di un Centro Sportivo moderno dove confluiranno, oltre ai ragazzi anche le famiglie degli stessi“.


“Ecco quindi!“, prosegue Giuseppe Corrado, “che una previsione oggettiva circa l’approvazione del progetto e l’inizio dei lavori possa essere quella di fine corrente anno, mentre per il completamento degli stessi ritengo che i tempi possano variare da un minimo di 12 ad un massimo di 16 mesi, pur se questo non significa che, durante il procedere delle varie fasi, già dall’estate prossima qualche formazione non vi si possa già allenare, a cominciare dalla prima squadra e quindi a seguire il resto delle giovanili, visto che il progetto – per il quale indiremo sicuramente una conferenza stampa entro fine anno per mostrarlo in tutti i suoi dettagli – prevede la costruzione di tre campi da gioco, di cui uno dedicato agli incontri della Primavera e strutturato sulla base delle normative UEFA oltre ad essere dotato di una tribuna da 1000 spettatori“.

E’ altresì evidente“, conclude il Presidente, “come la costruzione del centro sportivo sia strettamente correlata alla ristrutturazione dell’Arena Garibaldi, in quanto non appena avremo il progetto definitivo potranno essere riconsiderati altri aspetti del piano dello stadio, in quanto già sappiamo che la Sede della Società sarà allocata presso la nuova struttura, così da liberare spazi per parcheggi od altre attività commerciali, mentre ritengo che, nella beneaugurata ipotesi che il Pisa fosse promosso in A già alla fine della presente stagione, potremmo comunque giocare sul nostro campo le gare interne del prossimo campionato, dato che molti dei requisiti richiesti sono già stati adempiuti – come per le postazioni VAR, l’impianto di illuminazione ed i seggiolini – mentre siamo indietro per le vie d’accesso ed, in ogni caso, credo che, potendo presentare il progetto definitivo di ristrutturazione, si possa comunque ottenere una deroga dalla Federazione“.

By