Il Pisa non sfonda il muro della Reggiana: all’Arena e’ uno scialbo 0-0

PISA – Pareggio a reti bianche all’Arena per il Pisa (0-0) che non riesce a superare il muro della Reggiana che dopo una prova più che altro difensiva, blocca la squadra di Braglia che non riesce questa volta ad avere la meglio. Un pareggio che porta il Pisa a quota undici in testa alla classifica, ma in attesa della gara di domani dell’Ascoli impegnato sul campo della Spal a Ferrara.

PREVIEW. Mister Braglia conferma in blocco la formazione che ha sconfitto il Savona con Rozzio, Paci e Sini in difesa. Sugli esterni Pellegrini e Napoli. Morrone, Iori e Misuraca completano il quintetto di centrocampo. In attacco torna la coppia Arma – Giovinco. I granata di mister Colombo scendono sul terreno dell’Arena forti del successo il 4-3-3 visto contro la Pistoiese con il 4-3-3. De Giosa, l’unico assente de match. Davanti Feola ci sono ancora Sabotic e Spano’. Gli esterni del pacchetto arretrato sono Andreoni e Mignanelli. Centrocampo a tre formato dal pisano doc Parola assieme ad Angiulli e Bruccini. Nel trio d’attacco spazio a Ruopolo e Siega e l’ex nerazzurro Luca Tremolada.

20140920-185737.jpg

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia nerazzurra, Reggiana in campo con la maglia bianca da trasferta con strisce granata. Grande coreografia della Nord all’ingresso in campo delle due formazioni. “Sei la droga per me”, recita lo striscione nella frangia più calda del tifo nero blu. Al 3′ nerazzurri già alla conclusione con una punizione di Giovinco, che termina però la sua corsa sul fondo, un paio di metri alla sinistra del palo della porta difesa da Feola. La squadra di Braglia parte fortissimo schiacciando la Reggiana nella propria area di rigore. Al 7′ grande palla gol di Misuraca servito di testa da Iori. Quasi un rigore in movimento per il numero undici del Pisa, che però coglie la parte superiore della traversa da posizione molto invitante. Peccato. Insistono i nerazzurri. Al 10′ Iodi recupera una bella palla in scivolata serve Pellegrini a destra. Pronto il traversone del numero due nerazzurro per la testa di Arma, ma il suo colpo di testa termina alto di una spanna sopra la traversa. Pisa che però è sceso in campo con un ottimo approccio. Al 16′ altra ghiotta palla gol per i nerazzurri. Punizione di Giovinco da sinistra con palla a giro che va a terminare la sua corsa ancora una volta sulla parte superiore della traversa. Dopo un inizio sprint, la gara si fa equilibrata, i ritmi sono alti. La Reggiana arrivata a Pisa con l’intento di fare il match si vede solo al 28′ con una punizione di Bruccini alta sopra la traversa, ma al 32′ Paci finisce sulla lista dei cattivi (terza ammonizione della stagione) per un fallo al limite dell’area su Ruopolo che si stava involando pericolosamente verso Pelagotti. Sulla susseguente punizione Angiulli costringe alla respinta con i pugni Pelagotti, la palla perviene a Ruopolo che tenta la battuta con la palla che carambola sullo stinco di Morrone e termina sul fondo. Clamoroso autogol sfiorando dal numero sette nerazzurro con Pelagotti fuori causa. Gli ospiti finiscono in crescendo rendendosi pericolosi in un paio di contropiede, sventati in qualche modo dal pacchetto arretrato neroazzurro. Dopo due minuti di recupero si va al riposo sullo 0-0.

IL SECOCNDO TEMPO. La ripresa riprende senza nessun cambio da parte dei due allenatori. Al 2′ Pellegrini viene ammonito per un fallo sul settore sinistro del campo. Dopo una fase iniziale in cui i nerazzurri controllano al 9′ bella apertura di Arma per Pellegrini che va al cross per Morrone, ma la girata del numero sette nerazzurra è deviata in angolo da un difensore della Reggiana. Prima del corner prima sostituzione per il Pisa: al 10′ dentro Dicuonzo in luogo di Napoli. Non cambia nulla a livello tattico con il Pisa che continua ad essere schierato con il 3-5-2 di partenza. Al 16′ Ruopolo si procura uno stiramento ed è costretto ad abbandonare il campo. Al suo posto entra Sinigaglia. Ma mister Colombo ne approfitta per effettuare anche un altra sostituzione: dentro Maltese e fuori l’ex nerazzurro Tremolada. La partita però non decolla da parte nerazzurra. La Reggiana si chiude bene e cerca spesso di ripartire in contropiede. Al 24′ cross da sinistra di Dicuonzo con Arma che prova ad incornare ma viene anticipato in extremis da Feola in uscita che smanaccia in uscita e mette la sfera in fallo laterale dalla parte opposta. Braglia allora gioca la carta Stanco in luogo di Giovinco, che dopo la bella prestazione di Savona non è parso brillante. La gara va avanti. Molti gli errori da una parte e dall’altra. Onestamente non è una bella partita e non ci sono particolari emozioni da segnalare sul taccuino se non la sostituzione al 33′ che vede uscire dal campo Morrone: Braglia getta nella mischia Matteo Mandorlini. Al 36′ ci prova Iori dai 25 metri con una staffilata che termina al lato di un soffio rispetto al palo di destra della porta di Feola. Negli ultimi minuti la Reggiana manda in campo Paolo Zanetti. Al 43′ Arma manda alto di testa una rimessa, stile corner di Pellegrini. I nerazzurri ci provano fino in fondo, ma non riescono a superare il muro della Reggiana. La gara si chiude con un pareggio a reti bianche che lascia qualche rimpianto in casa Pisa.

You may also like

By