Il Pisa cade anche a San Marino. Inizia male l’avventura di Mister Pillon

PISA – Inizia male l’avventura di mister Pillon sulla panchina del Pisa. I nerazzurri escono malamente sconfitti dal San Marino Stadium. A decidere il match un gol di La Mantia su un errore grossolano della difesa. Adesso i play-off si allontanano, la Reggiana adesso ha cinque punti di vantaggio sul Pisa e quasi “blinda” il terzo posto

image

PREVIEW. Parte con il 4-3-3 il primo Pisa di mister Pillon. Davanti a Pelagotti ci sono Lisuzzo (che torna dalla squalifica) e Paci. A destra l’ex tecnico del Carpì sceglie Mandorlini a destra e Costa a sinistra. Centrocampo a tre con Iori in cabina di regia e Morrone e Misuraca sugli esterni di Centrocampo. Arrighini guida l’attacco con Frediani a destra e Floriano a sinistra. Dunque rispetto alla gara contro L’Aquila oltre al ritorno di Lisuzzo, partono dalla panchina Arma e Caponi.

IL PRIMO TEMPO. Pochissime emozioni nella prima frazione di gara. È un Pisa (in maglia rossa) poco grintoso quello dei primi 45′ di gara dove sul taccuino ci sono da annotare solo due episodi. Il primo al 12′ quando Floriano con una gran giocata trova Misuraca che solo davanti al portiere non riesce a mettere dentro: alla fine un difensore salva sulla linea rifugiandosi in calcio d’angolo. Episodio da moviola invece al 22′. Calcio di punizione di Iori dai 25 metri con Paci che va giù in area strattonato da un difensore del San Marino al momento dello stacco. Piscopo fa cenno di proseguire. Il Pisa però non riesce ad essere veramente pericoloso, al cospetto di una squadra, il San Marino che non effettua nemmeno un tiro verso la porta di Pelagotti, spettatore non pagante della sfida. Da segnalare le ammonizioni di Costa e Iori.

IL SECONDO TEMPO. Inizia a ritmi blandi anche la ripresa, il Pisa prova a cambiare marcia, ma la gara si gioca nel primo quarto d’ora senza nessun tiro verso la porta del San Marino da parte dei nerazzurri. Poco dopo il 15′ mister Pillon prova a scuotere la squadra: dentro Arma e fuori un deludente Frediani. Ricostituita dunque la coppia formata da Arrighini e Arma. Al 17′ punizione di Iori dalla tre quarti colpo di testa centrale di Arma, facile la parata di Caio Secco a terra. Al 28′ per il San Marino si fa male il difensore centrale Cammaroto. Mister Tazzioli inserisce Ferrero. Poco dopo (29′) Arma “spizza” per Arrighini anticipato da Cruz che favorisce l’uscita del portiere Caio Secco, ammonito poco dopo per perdita di tempo. Al 32′ Pillon gioca la carta Napoli e richiama in panchina Roberto Floriano. La gara scivola via fino al 40′ quando La Mantia dopo un retro passaggio di un giocatore del Pisa si presenta solo davanti a Pelagotti e lo scavalca con un pallonetto bruciando sullo scatto anche Lisuzzo. I nerazzurri sono sotto. La squadra di Pillon prova a gettarsi in avanti ma negli ultimi minuti più cinque di recupero non riesce a pervenire al pareggio.

You may also like

By