I single tra passato e presente: come sono cambiate le abitudini degli “scoppiati”

PISA – Non ci sono più i tempi di una volta, e neanche i single! Perché nell’era 2.0 tutto è cambiato, tutto si è trasformato e tutto è diventato più semplice, anche essere un giovane single per scelta. Secondo un sondaggio condotto da Speed Date, importante agenzia italiana specializzata in eventi per single infatti, essere single non è sempre stata la stessa esperienza.

Dalle domande poste ad un campione di 1000 single over 50 ed un altro, sempre di 1000 single, ma under 30, sono emerse sostanziali differenze su come si viveva da “scoppiati” circa trent’anni fa e come invece si vive adesso. Gli over 50 afferma di avere una sorta di nostalgia verso “I bei tempi passati”, ammettendone però anche i lati negativi. Il 59% ha infatti ammesso di non aver avuto tanta libertà come i giovani di oggi: si usciva di meno e ci si ritirava presto la sera. Non c’erano i social network né tantomeno internet e bisognava ingegnarsi per fare qualcosa, per divertirsi e stare con gli amici.

20141006-123320.jpg

Il 27% sostiene, e questa è una caratterizzazione assolutamente positiva, che c’era sicuramente più gusto nel corteggiare le donne (probabilmente anche perché le donne amavano essere corteggiate). Niente era dato per scontato e ogni cosa era fatta a tempo debito: le telefonate al telefono di casa (con prima il passaggio obbligato dalla voce dei genitori), l’attesa sotto il portone, la portiera della macchina aperta… In molti lo ricordano con un briciolo di nostalgia ma anche con un grande sorriso sulle labbra. C’è poi, il 14%, che invece pensa che, a differenza del passato, essere single oggi sia estremamente più bello e divertente in quanto si può approfittare (anche a cinquant’anni) di viaggi o serate a tema organizzate per conoscere nuovi amici.

E i più giovani? Sicuramente sotto certi aspetti loro hanno avuto la strada più aperta ed in discesa. Esser single al giorno d’oggi è visto come una vera e propria opportunità per fare mille esperienze liberi da ogni condizionamento. Il 63% degli intervistati under 30 ha ammesso, infatti, di non voler assolutamente fare a cambio con il passato: adora la tecnologia, i social network che facilitano ogni forma di comunicazione e di corteggiamento e non riuscirebbe a vivere senza!

Il 31% poi, pensa che essere single sia uno “status symbol”: si può vivere da soli senza necessariamente doversi sposare. Uomini e donne non fa differenza, basta che si raggiunga l’indipendenza e si stacchi il cordone ombelicale dalla famiglia. Certo, un pranzetto o una cenetta dai parenti ci sta, ma è solo una scusa per ovviare a frigoriferi vuoti o lavatrici impazzite! C’è però una piccola parte di giovani, il 6%, a cui non dispiacerebbe affatto un ritorno al passato: hanno ammesso infatti che vorrebbero tanto provare a vivere gli anni ’60 o ’70, complici anche i tanti film e le atmosfere hippy. “Ogni epoca ha un suo fascino – sostiene Giuseppe Gambardella, fondatore del club per single – ed è giusto che si viva a pieno ogni tipo di esperienza. Oggi, dieci, venti o trent’anni fa, l’importante è che ognuno resti se stesso e che riesca a trarre il meglio in ogni situazione, soprattutto dall’essere single.”.

You may also like

By