Giordano Maccarone: “A Pisa dobbiamo fare punti. Nerazzurri favoriti per la promozione in serie B”

PISA – Lo spazio interviste riservata all’avversario di turno porta Pisanews a sentire il parere di un giocatore del reparto arretrato della compagine de L’Aquila. Si tratta di Giordano Maccarrone, difensore alto cm.1,95 per 89 kg.di peso,siciliano di Catania,dove ha avuto i natali il 9 Aprile 1990.

di Maurizio Ficeli

Maccarrone proviene dalle giovanili della sua città per poi giocare nel Milazzo, dove ha avuto come compagni gli ex nerazzurri Nicola Lanzolla e Francesco Nicastro, in seguito si accaso al Gubbio, al Bellaria Igea Marina, al Savona, fino ad arrivare all’Aquila, dove milita da due stagioni.

Grazie Giordano, per aver accettato l’invito del nostro portale:vesti la maglia dell’Aquila Calcio da due anni: come ti trovi?

“Mi trovo molto bene con la societa, con i tifosi e con i compagni di squadra: siamo veramente un bel gruppo, ci siamo trovati bene fin dall’inizio”.

E riguardo alle prestazioni della squadra che bilancio trai in questo momento?

“Direi che 10 punti in classifica non sono male, anche se abbiamo perso qualche punto, come nella gara di domenica scorsa a Santarcangelo che sarebbe stato uno scontro diretto da vincere e che invece abbiamo pareggiato”.

Che partità è stata quella contro i romagnoli?

“Una gara dove abbiamo sofferto all’inizio contro una squadra compatta ed organizzata ma nel secondo tempo li abbiamo messi sotto”.

Domenica verrete all’Arena “Anconetani” con quale spirito?

“Veniamo a Pisa con la giusta voglia consapevoli di affrontare una squadra, quella di Mister Gattuso, “avvelenata”dalla sconfitta di Savona, una squadra forte e temibile, ma noi dobbiamo fare punti a prescindere dall’avversario”.

Cosa temi nello specifico della squadra nerazzurra pisana?

“Il Pisa è una squadra da temere come complesso, è una squadra allestita per arrivare nelle prime quattro. Ho visto qualche partita del Pisa e mi ha impressionato Varela. Ma noi affronteremo i nerazzurri con la giusta tensione per far bene”.

Con quale modulo di gioco di solito siete schierati in campo?

“Abbiamo iniziato con un 4-3-3 , mentre ora stiamo giocando con un 4-4-2 che poi sarebbe anche un 4-4-1-1 a seconda dell’avversario che ci troviamo di fronte”.

Mentre personalmente con quale tipo di difesa ti trovi meglio?

“Mi adeguo a ciò che chiede il mister: io ho giocato sia con la difesa a 3 od a 4 ed ho fatto il centrale sia a destra che a sinistra, però essendo grosso di stazza, vado sul contatto fisico, sulle sportellate con attaccanti di peso”.

Nell’Aquila come compagno di squadra hai un ex nerazzurro Raffaele Perna che ha segnato 15 gol all’ombra della Torre pendente: ti ha mai parlato di Pisa?

“Si. Raffaele Perna a Pisa ha fatto bene e si è trovato benissimo, andando in doppia cifra come attaccante, anche se poi si infortunò: ma Pisa non ha assolutamente bisogno di presentazioni,perché a Pisa la serie C sta stretta e merita altre categorie”.

Concludiamo, dando uno sguardo alla parte alta di questo campionato di Lega Pro: chi vedi tra le favorite?

“Noi abbiamo giocato contro la Spal, che è una squadra compatta, con nomi grandissimi anche se mi sarei aspettato, nella gara contro di noi un atteggiamento diverso. Riguardo al Pisa parlano solo i nomi e poi prima della sconfitta di domenica scorsa, era l’unica squadra imbattuta del girone. La Maceratese invece è una squadra ben allestita che sa rendere al massimo. Poi, per trarre, un giudizio sulle squadre piu forti dovrei incontrarle tutte ed arrivare a gennaio quindi in questo momento, dico Spal, Pisa e Maceratese”.

By