Gian Luca Lazzeri (Più Toscana): “Per i Licenziamenti alla Misericordia è necessario aprire un tavolo in Regione”

PISA – «Sui possibili licenziamenti della Misericordia di Pisa è urgente aprire un tavolo di crisi in commissione Emergenza Occupazionale».

È la richiesta del consigliere regionale del gruppo Più Toscana e membro della IV commissione “Sanità”, Gian Luca Lazzeri che commenta così la decisione della confraternita pisana di ridurre di due terzi il proprio personale.

Gian Luca Lazzeri (Più Toscana)

«A rischio licenziamento – spiega – ci sono 40-45 persone che rappresenterebbero quasi il 70% dell’organico di una delle punte di diamante dell’associazionismo toscano e pisano. Ma un provvedimento del genere pur salvando i conti dell’associazione rischia di mettere ko un protagonista prezioso della nostra sanità limitando la sua partecipazione ai servizi cimiteriali. Dove, come sostenuto dai sindacati, sarebbero impiegato quasi tutto il personale “superstite”.

Licenziare per non chiudere non può e non deve essere l’unica scelta plausibile, per questo motivo ho scritto personalmente al presidente della commissione Emergenza Occupazionale, il consigliere Paolo Marini, per sollecitare un confronto fra vertici della confraternita, sigle sindacali e lavoratori in modo da trovare una soluzione alternativa a quella che rischia di essere, di fatto, la fine della Misericordia Pisana.

Si tratta di un dovere istituzionale verso un’associazione di volontariato che, in tempi di tagli al sistema sanitario, è stata stampella per gli enti pubblici e che ora non deve essere abbandonata: la salvezza della Misericordia pisana non può passare per la dismissione del suo personale».

By