Federico Di Francesco: “Voglio tornare a giocare il prima possibile”

PISA – Federico Di Francesco centrocampista del Gubbio, figlio di Eusebio Di Francesco allenatore del Sassuolo nato fra l’altro nella nostra città’ e’ ricoverato al Policlinico di Bari, reparto chirurgia maxillo facciale, cameretta numero 7. Di Francesco in una bella intervista a Forzagubbio.it dichiara di voler tornare a giocare il prima possibile.

“Mi manca troppo il campo, i miei compagni, il mister”, Federico, stabilmente dell’Under 19 di mister Alessandro Pane, ha preso una brutta botta al volto durante Lecce-Gubbio. “E’ stato Salvi – ricorda – mi ha dato una gomitata, ma non credo che abbia fatto apposta e con l’intenzione di farmi male”.

Cosa hai sentito?

“Ho capito che la botta era stata molto forte e ho avvertito dolore, ma ho stretto i denti e ho continuato a giocare. Non pensavo mai fosse così grave”.

Poi però?

“Alla fine della partita ho cominciato sentire parecchio dolore. Mi dava fastidio, insomma non stavo per niente bene. Ne ho parlato con il nostro medico, il prof Corbucci, che mi ha fatto fare poco dopo il primo esame. E da lì il ricovero a Bari”.

Per la cronaca l’esame strumentale è stato eseguito a Terlizzi, vicino Molfetta, dal dottor Lo Piano, ex medico sociale del Bari e amico personale di Corbucci.

“Il nostro prof mi è stato molto vicino, così come la società” dice Di Francesco. Fatto questo che non deve sorprendere visto che l’As Gubbio si è sempre distinta in quanto a solidarietà con i propri tesserati e dipendenti.

“Ma adesso sto male – aggiunge – non è tanto lo zigomo che mi dà fastidio, quanto il fatto che vorrei essere con i miei compagni e allenarmi e giocare. Domenica c’è il Pisa e io non ci sarò. Ma voglio tornare il prima possibile e l’ho già detto ai miei: faccio le visite di controllo e poi vado subito a Gubbio”.

Vicino a Federico c’è la mamma che domenica non ha proprio festeggiato un bel compleanno. Prima il marito, Eusebio tecnico del Sassuolo, si è “dimenticato” degli auguri e glieli ha fatti in diretta Tv durante il programma “Stadio Sprint” di Errico Varriale. Poi è dovuta correre al capezzale di Federico.

“Anche papà è venuto subito – ricorda il giocatore rossoblù – è stato qui con me, insieme a mamma e allo zio”.

Comunque ora stai un po’ meglio.

“Sì, e poi per certi versi sono anche contento che sia andata così. Meglio che abbia avuto uno zigomo fratturato piuttosto che un trauma agli arti inferiori”.

Infine la “provocazione”.

Dovrai stare fuori un mese e mezzo.

“Seguirò scrupolosamente i consigli e le terapie dei medici. Ma prima che posso voglio ricominciare ad allenarmi”.

A lui gli auguri di Bucchi: “L’ho sento tutti i giorni e lui lo sa: lo aspettiamo. Fede è un giocatore importante per noi e quando tornerà sarà ancora più forte di prima”.

Federico Di Francesco è nato il 14 giugno 1994. Ha poco più di 19 anni. Ma a sentirlo parlare sembra più uno dei “vecchi” dello spogliatoio. L’unica differenza è che deve ancora arrivare… ma arriverà, è sicuro.

E quindi l’auspicio: sei nella cameretta numero 7, magari sarebbe bello segnare 7 gol in campionato col Gubbio, no?

“Sarebbe magnifico e ci proverò, parola mia”.

Fonte: Forzagubbio.it

SOTTO FEDERICO DI FRANCESCO (foto tratta da gazzetta.it)

20131024-194232.jpg

By