È morto Luciano Modica ex Rettore dell’Università di Pisa. Le reazioni politiche ed istituzionali

PISA – È morto Luciano Modica l’ex Rettore dell’Università di Pisa ed ex senatore e sottosegreterio al Ministero dell’istruzione.

E con la triste scomparsa di Luciano Modica arrivano le reazioni politiche ed istituzionali

CORDOGLIO DI GIANI. “Luciano Modica univa le qualità dello scienziato a quelle dell’uomo delle istituzioni. La sua prematura scomparsa rappresenta una grave perdita per per la vita culturale e civile della Toscana  e dell’intero Paese”, questo il pensiero presidente della Regione Eugenio Giani che esprime cosi il proprio cordoglio. “Nel lavoro accademico come in quello di governo, Modica ha sempre coniugato competenza, apertura, umanità: la sua lezione rimarrà un patrimonio vivo”.

DA ANTONIO MAZZEO. “Oggi se ne è andato un maestro. Luciano Modica, per me, è stato prima di tutto un punto di riferimento e un uomo che mi ha insegnato tanto”. È quanto dichiara il presidente del Consiglio regionaleAntonio Mazzeo, appresa la notizia della scomparsa improvvisa dell’ex Rettore dell’Università di Pisa. “La sua biografia, ragazzo del Sud che viene a studiare a Pisa dove costruisce la sua famiglia, la sua carriera professionale e quella politica, me lo ha fatto sentire fin dal primo momento una persona vicina. È  stato Rettore dell’Università di Pisa negli anni della mia formazione universitaria. Anni in cui da rappresentante degli studenti ho iniziato ad apprezzarne le capacità e a costruire un rapporto personale con lui anche attraverso un confronto a volte pure aspro, ma sempre diretto e trasparente. Nel mio impegno politico – continua Mazzeo – l’ho incrociato fin dalla nascita del Partito Democratico e poi in fasi congressuali in cui abbiamo condiviso idee e impegni, cementando un legame di stima e di amicizia. Del resto una qualità di Luciano era proprio la sua attenzione nei confronti dei giovani su cui ha sempre investito tanto. E anche per me è stato così. È stato – ricorda ancora il presidente – un rigoroso uomo di scienza, profondamente convinto dell’approccio razionale ai problemi. In lui le ragioni hanno sempre prevalso sui tornaconti. Le sue battaglie le ha sempre fatte a viso aperto, spesso pagando di persona, con coerenza e determinazione. Molte volte ci siamo trovati dalla stessa parte; altre invece abbiamo avuto posizioni diverse ma sempre nel rispetto e nella stima reciproca. È stato uomo di governo, sottosegretario all’Università nel secondo governo Prodi. Un’esperienza di cui ho apprezzato la capacità di tenere insieme competenza, serietà e passione. Una lezione che ho cercato di fare mia. Ha dedicato una parte dei suoi impegni anche alla Toscana, da presidente dell’accademia delle Belle Arti di Firenze. Oggi l’Italia e la Toscana perdono un grande uomo. Che molto ha dato, certamente più di quanto ha ricevuto. Alla moglie Maria Rosaria e ai figli Carlo e Elena mando un abbraccio affettuoso a nome mio personale e dell’intero Consiglio regionale” conclude Mazzeo.

DALL’ASSESSORE NARDINI. “Ho appreso con enorme dispiacere la notizia della prematura scomparsa di Luciano Modica. Lo ricordo come rettore illuminato e persona di grande umanità. Modica è stato un intellettuale che ha sempre concepito il suo impegno accademico rifuggendo da tentazioni elitarie. Uno spirito che ha contraddistinto anche il suo ruolo politico che ha sempre interpretato in maniera profondamente democratica. Pisa, la Toscana, il nostro Paese, il mondo della scienza e della cultura perdono una personalità preziosa”. Così l’assessora all’università e alla ricerca della Regione Toscana Alessandra Nardini a proposito della scomparsa dell’ex rettore dell’Universita’ di Pisa e ex sottosegretario Luciano Modica.

DAL PD. “L’improvvisa scomparsa di Luciano Modica mi lascia sgomento – afferma il consigliere regionale Pd Andrea Pieroni -. Perdiamo tutti una figura di grande spessore umano, intellettuale e politico, qualità  che ha saputo esprimere come accademico, ricoprendo anche la carica di Rettore dell’Università di Pisa, e come senatore e sottosegretario all’Università e alla Ricerca. Aveva la capacità di tenere ben unite queste doti, che gli permettevano di dare un qualificato e lucido contributo al dibattito politico. Lo accompagnavano passione e senso critico, con i quali ha sempre affrontato i temi a lui più cari: la cultura, l’istruzione e la formazione scientifica.Rivolgo il mio più profondo cordoglio alla famiglia, a coloro che con Luciano hanno strettamente collaborato ed a chi gli è stato più vicino.
Mancherà a tutti noi”, conclude Pieroni.
Sono vicina alla famiglia per la prematura scomparsa di Luciano Modica,
grande matematico, rettore dell’Università di Pisa e presidente della Crui, senatore Ds, sottosegretario all’Università nel governo Prodi. Pisa e il Pd perdono un protagonista della vita culturale e politica
“. ha detto Valeria Valente, commissaria del Pd provinciale di Pisa,

PAOLO FONTANELLI, EX SINDACO DI PISASono stravolto dalla notizia dell’improvvisa scomparsa di Luciano Modica. Con lui ho collaborato per diversi anni nel lavoro da Sindaco. Lui da Rettore guidava l’Universita’ di Pisa ed aveva un ruolo importante a livello nazionale. Aveva una visione che andava oltre i compiti e le funzioni dell’ateneo e che si confrontava con i problemi e le esigenze di tutta la città’, mossa da una notevole sensibilità culturale, sociale e civica. Portava sempre con se’ il suo impegno e la sua responsabilità di studioso e di docente, ma ha dato indubbiamente un contributo essenziale di idee e di azioni concrete per la crescita di Pisa, sia sul piano della città’ degli studi, della formazione e dei servizi, che su quello del riordino e dello sviluppo urbanistico. E’ con profondo dolore che esprimo la mia vicinanza alla sua famiglia e ai suoi cari“.

By