Dino Pagliari: “Abbiamo preso un bel ceffone a mano aperta, ma sapremo rialzarci”

PISA – “La sconfitta a Cuneo e’ stato un ceffone, anzi un ceffone a mano aperta che tante volte nel calcio puo’ servire per migliorare. Il tecnico nerazzurro Dino Pagliari, sintetizza così la sconfitta di Coppa.a Cuneo, proiettando la sua squadra nella trasferta di campionato in terra umbra.

A Cuneo – prosegue il mister – abbiamo trovato il modo per non vincere. Adesso la squadra dovra’ dedicarsi al campionato non tralasciando quello che e’ successo in terra piemontese.

Come sta la squadra?

“Bene. Stiamo bene dovremo valutare le condizioni di Ciccio Favasuli che e’ uscito anzitempo a Cuneo. Lo spirito che ha il gruppo in questo momento e’ ottimo perché stiamo facendo un grande campionato e dobbiamo continuare su questa strada. Quando un gruppo sa cosa sta succedendo conosce anche il percorso da seguire. Nella nostra carovana non possiamo permetterci di perdere nessuno”.

Mister, che squadra andremo ad affrontare?

“Il Gubbio e’ una squadra giovane che ha pareggiato con il Benevento, e’ una squadra che fa della velocita’ la sua arma migliore, ma che come altre squadre ha dei difetti e noi lavoreremo su questi per cercare di batterli”.

Come sta Mingazzini?

“Nicola si sta allenando bene ed e’ recuperabile. Credo che per Gubbio sia a posto”.

Sono migliorate le condizioni di Rozzio e Martella?

“Rozzio e Martella vanno avanti con il recupero, gradino per gradino. A Gubbio non ci saranno”

Provedel o Pugliesi per la porta a Gubbio?

“L’ho già detto e lo ripeto. In questa squadra non ci sono titolarità. Gioca chi lo merita e deciderò in settimana”

Che idea si è fatto della prova a Cuneo di Melis

“E’ un giocatore che può darci una mano e lo si è visto anche domenica con la Paganese”.

Si aspettava qualcosa di più da Giovinco e Cia?

“Giovinco e Cia sono due ottimi giocatori, questo gruppo sta costruendo uno spirito collettivo particolare. La fiducia e la stima per loro ce l’ho sempre avuta”.

20131024-190257.jpg

By