Cristiano Lucarelli ad Ale’ Nerazzurri: “Se il Pisa cambia marcia non ce n’è per nessuno”

PISA – In vista del derby di domenica prossima al “Melani” è intervenuto alla trasmissione “Ale’ Nerazzurri” in onda su Telecentro 2, il tecnico della Pistoiese Cristiano Lucarelli, che ha parlato di Pisa e ha lanciato un messaggio da lontano a Gianluca “Ventrina” che sta giocando la sua partita personale.

SULLA GARA DELL’AQUILA. “Non siamo stati sconfitti da L’Aquila, però ho deciso di non parlare di questa partita perché sennò rischierei la multa. Siamo la squadra rivelazione del campionato, domenica avevamo una squadra con un’età media di 20.7, ma quando si gioca con una squadra così giovane si rischiano gli alti e bassi”.

20141201-223216.jpg

SUL DERBY. “Far assorbire questa sconfitta de L’Aquila è il primo obiettivo che dovrò inculcare ai miei ragazzi. Cercherò di far ritrovare lo spirito giusto ai miei ragazzi, vincere con il Pisa sarebbe un impresa, perché i nerazzurri non hanno niente a che fare con la categoria ne per il bacino di utenza, ne per il tasso tecnico della squadra di Braglia, che in trasferta sta tra le altre cose facendo cose importanti. Se il Pisa cambia marcia in questo campionato non ce n’è per nessuno. Nella lotta per la promozione vorrei inserire anche la Reggiana perché è una squadra che si chiude bene e ha giocatori che possono dare fastidio”.

SU BRAGLIA. “Piero lo stimo come persona, è un sanguigno, che dice quello che pensa e lo considero in questa categoria un fuoriclasse, fa la differenza. Per allenare una squadra come il Pisa ci vuole uno come lui, anche se so che a lui non fanno piacere i complimenti. Braglia è il valore aggiunto per il Pisa”

SU ARMA. “Giocatore che fa reparto da solo che in serie C e’ un lusso e garantisce un certo numero di reti. Penso che insieme ad Evacuo sia l’attaccante più forte della categoria”

SUL GIRONE. “Il girone B è un campionato molto equilibrato che secondo me non è livellato verso il basso come tutti dicono, perché in serie C sono rimasti giocatori importanti, mentre lo scorso anno era imbottito di giovani”.

SU GIANLUCA. “Voglio mandare un abbraccio a Gianluca unendomi ai messaggi nei suoi confronti che sono arrivati da molte tifoserie. Da grande guerriero qual’e spero che superi la sua malattia. Questi problemi penso vadano oltre al campanile”.

By