Crisi Misericordia, i Cobas rispondono a Corsinovi: “Il Vescovo ha responsabilità morali”

PISA – I Cobas rispondono al responsabile delle Misericordie toscane Alberto Corsinovi  che aveva definito “incomprensibile” l’attacco all’arcivescovo.

 

“Le parole del presidente delle Misericordie toscane, Alberto Corsinovi, sono tardive e fuori luogo. Da novembre infatti –  dicono i Cobas –  rinvia l’incontro richiesto dai Cobas a Misericordie toscane e dimentica che alcuni suoi collaboratori presenti nello staff del commissario sono stati allontanati dagli attuali vertici della Misericordia di Pisa proprio perché fautori dei contratti di solidarietà avversati, fin dal loro insediamento, dall’attuale management.

L‘arcivescovado ha invece responsabilità morali ben definite visto che i Governatori sono scelti da sempre su indicazione del vescovo e che monsignor Benotto aveva affermato pubblicamente di essere contrario ai licenziamenti. Allora perché oggi tace e acconsente a 40 esuberi?”. “Cosa sta facendo lo stesso Corsinovi per la salvaguardia dei posti di lavoro nelle tante associazioni in crisi? E se nel passato la gestione del personale è stata fallimentare, cosa facevano i vertici delle Misericordie toscane per impedirlo?”.

I sindacati intanto  preannunciano una giornata di sciopero per il prossimo 24 maggio e chiedono l’immediata riapertura del Tavolo istituzionale con Comune, Provincia e Regione affinché si trovino soluzioni che scongiurino i licenziamenti.

You may also like

By