Coppa Italia Tim. Atalanta – Pisa: le nostre pagelle. Iori e Paci i migliori

BERGAMO – Andiamo a vedere le singole prestazioni dei nostri ragazzi che oggi pomeriggio hanno dato prova di carattere al cospetto di un Atalanta tecnicamente forte e pronta a disputare un campionato di serie A ad alto livello.

PISA

PELAGOTTI 7. Salva in almeno tre circostanze la porta nerazzurra. Gran parata – prodigio su Belonuane a fine primo tempo. Sventa su Bonaventura e su Drame’. Sul gol del vantaggio atalantino non riesce a bloccare il destro di Bonaventura, ma il gol di Cigarini era da annullare.

DI CUONZO 6. Svolge bene il compitìno assegnatogli da Braglia sul settore destro del campo. Dalla sua parte spesso si vedono le folate di Bonaventura, il giocatore più pericoloso dell’Atalanta

LISUZZO 6.5. Il “Sindaco” della difesa nerazzurra sventa diversi attacchi atalantini. Mette la museruola a Moralez e a Denis che non crea più di tanti pericoli.

PACI 7. Gioca in non perfette condizioni, ma non si nota per buona parte del match. Fa sentite i tacchetti a Denis prima e Boakye poi. E’ costretto ad abbandonare il campo e poco dopo il Pisa subisce il secondo gol. (dal 36′ St ARMA SV)

20140823-222510.jpg

MASSIMO PACI (Foto Francesco Batoni)

COSTA 6. Si prodiga sulla fascia sinistra con alcune sgroppate che costringono ad arretrare la difesa atalantina. Buoni anche diversi suoi cross. Braglia decide di toglierlo dopo L’intervallo (dal 1′ St PELLEGRINI 5,5). Braglia lo inserisce per tenere più distante Bonaventura, ma il giocatore ex Viareggio sbaglia molti appoggi ed e’ impreciso su molto cross).

MORRONE 6.5. Fino all’espulsione è l’uomo ovunque del Pisa. Nel primo tempo gioca sulla destra in un ruolo per lui inedito. Si capisce alla perfezione con Iori in scambi veloci “di prima”. Nella ripresa viene riportato nella zona nevralgica del campo dove da il meglio di se. È’ l’ultimo ad arrendersi. Espulsione severa.

IORI 7. Con Paci è il migliore del Pisa. Detta i tempi della manovra, sprona i compagni e prova anche la conclusione a rete. Giocatore di categoria superiore che non c’entra niente con la Lega Pro.

SINI 6.5. Alla lettura delle formazioni è lui la vera sorpresa della giornata. Dimostra grande personalità in un campo di serie A e anche buona tecnica individuale. Prova molto positiva.

FINOCCHIO 6. Braglia premia la sua voglia in questa prima parte di stagione, il ragazzo arrivato dal Parma è una delle note liete di questo inizio del nuovo corso nerazzurro. Schierato come centrocampista di sinistra nel primo tempo, con alcune sue ripartenze mette in difficoltà la difesa dell’Atalanta.

GIOVINCO 5,5. Corre, lotta, si impegna anche se non si vede moltissimo. Parte dai suoi piedi la punizione che deviata dalla barriera fa la barba al palo con Consigli ormai battuto. Braglia lo sostituisce nell’intervallo. (Dal 1′ St NAPOLI 6. Non riesce a trovare la zampata eppure le occasioni le avrebbe anche avute nella ripresa. Il giocatore ex Prato è comunque in crescita)

STANCO 6. Preferito ad Arma dall’inizio fa molto lavoro sporco, conquista diversi calci di punizione in avvio mettendo in apprensione in più di un occasione la difesa bergamasca. Non è freddo a fine primo tempo quando Biava manca clamorosamente la palla che lui si ritrova inaspettatamente sui piedi ma sbaglia il tiro.

BRAGLIA 6.5. Dispone bene la squadra in campo e lo si vede dai primi minuti. Protesta sul gol assegnato all’Atalanta in netto fuorigioco e viene espulso. La sua stoffa si sente giorno dopo giorno. La squadra lo segue e i risultati non potranno che venire.

ATALANTA. Consigli 6; Zappacosta 6; Benalouane 6.5; Biava 6.5; Dramè 7; Bonaventura 7.5; Carmona 6; Cigarini 7; Estigarribia 6 (30′ St Spinazzola 7) Moralez 6 (15′ st Boakye 6) Denis 6.5 (34′ st Bianchi 6.5). All. Stefano Colantuono 6.5.

By