Coppa Italia Tim. Atalanta – Pisa. I nerazzurri alla ricerca dell’impresa. La presentazione del match

PISA – Atalanta – Pisa questo pomeriggio (ore 18) allo stadio “Atleti Azzurri d’Italia” non sarà semplicemente una sfida valida per il terzo turno di Coppa Italia Tim, ma avrà sicuramente un valore doppio per i nerazzurri che tornano a giocare contro la Dea dopo i molti incontri in massima serie ai tempi in cui il Pisa calcava i campi della serie A.

AMARCORD. Dall’ultima vittoria del Pisa a Bergamo contro gli orobici sono passati quasi trent’anni, quando i nerazzurri riuscirono a ribaltare l’1-0 iniziale firmato Peter Stromberg con le reti prima di Bergreen e poi di Kieft (destro al volo dal centro dell’area con palla che si insacca sotto l’incrocio a sette minuti dalla conclusione de match). Ricordi, immagini in bianco e nero torneranno a passare nella memoria di chi quei tempi li ha vissuti. E qualcuno oggi potrà raccontare ai nipoti quei momenti entrando all’interno dello stadio Comunale.

REGOLAMENTO. Atalanta – Pisa è una gara ad eliminazione diretta. Chi vince accede al quarto turno della Coppa Italia Tim e affronterà la vincente di Bari – Avellino. Se al 90′ la parità persisterà si giocheranno due tempo supplementari da 15′ ciascuno e in caso di ulteriore parità si tireranno i calci di rigore.

LA PRIMA VOLTA DI BATTINI. Sarà la prima volta anche per il presidente Carlo Battini. Nella sua gestione fino ad ora il Pisa non si era mai confrontato con una squadra della massima serie in Coppa Italia. “Sarà una bella soddisfazione per tutti affrontare l’Atalanta. Spero che i miei ragazzi diano del filo da torcere alla squadra bergamasca, anche se sarà tutt’altro che facile, ha detto il patron nerazzurro al termine della gara amichevole di mercoledì a Ponsacco”. Battini si è soffermato anche sulla questione ripescaggio dicendo: “Conti alla mano a me risulta che siamo di mezzo punto sotto rispetto al Vicenza, però noi abbiamo fatto tutto quello che serviva per le procedure di ripescaggio. Se però ci fosse la parità avremmo la meglio noi a livello amministrativo. Spero che ci sia una visione giusta ed equilibrata di queste valutazione. Sapremo la sera del 27 o il 28. Il Pisa in due giorni dovrà organizzare un evento e non è facile. Noi abbiamo ottemperato ai nostri obblighi. Ieri intorno alle 16 Bruno Sabatini è andato a Milano a depositare in Lega di serie B la domanda di ripescaggio, quindi non resta che attendere. Ma adesso pensiamo alla sfida di Coppa”

20140823-100400.jpg

IL PISA 1909 (foto Francesco Batoni)

QUI PISA. Tutti o quasi a disposizione di mister Piero Braglia che nelle ultime ore prima del match ha caricato molto la squadra. Il tecnico grossetano ci tiene a far bella figura ed è proprio per questo che ha “blindato” la squadra nell’ultimo allenamento in città. Rispetto alla gara contro il Carpi tornano a disposizione Napoli e Rozzio che hanno smaltito i rispettivi fastidi. Contro la Dea il tecnico nerazzurro proporrà presumibilmente un 4-4-2. Davanti a Pelagotti agiranno da destra a sinistra Pellegrini, Lisuzzo, Di Cuonzo e Costa. Infatti e’ in dubbio al centro della difesa la presenza di Massimo Paci. A centrocampo dovrebbero trovare spazio Mandorlini con il compito di interdire e far ripartire l’azione. Morrone infatti e’ in forte dubbio e Iori avrà in mano le chiavi del centrocampo nerazzurro. Sugli esterni ci sarà il ritorno di Napoli a sinistra con Frediani dalla parte opposta che si giocherà il posto con Finocchio. Quest’ultimo al momento sembra più in palla del gioiellino di proprietà della Roma a cui Braglia chiede sempre maggiore cattiveria agonistica. Davanti ballottaggio Arma – Stanco con il primo favorito sul secondo, che farà da spalla a Giuseppe Giovinco, che ieri e’ stato protagonista della doccia gelata per la SLA. Solo all’ultimo momento saranno valutate le condizioni di Paci e Morrone che nel corso della settimana si sono allenati poco. Piu facile che il difensore possa stringere i denti e scendere in campo.

QUI BERGAMO. Problemi di abbondanza per il tecnico dell’Atalanta Stefano Colantuono, ex difensore nerazzurro dell’era Romeo Anconetani, che per forza di cose sarà costretto a lasciare in tribuna qualcuno dei suoi gioielli. Dopo l’arrivo di Biava, si sono aggiunti ufficialmente al gruppo i due attaccanti Rolando Bianchi e Boakye quest’ultimo protagonista lo scorso anno della cavalcata che ha portato alla salvezza il Sassuolo. Colantuono sembra intenzionato a schierare un 4-4-2 classico. Davanti a Consigli ci saranno Cherubin e Biava con Zappacosta e Drame’ esterni di difesa. A centrocampo saranno impiegati Cigarini e Carmona, mentre sugli esterni a destra agirà l’ex Juventino Estigarribia e Bonaventura a sinistra. In attacco la copia gol formata da Boakye e German Denis. B In alternativa Colantuono però potrebbe schierare anche un 4-1-1-1 con Maxi Miralez alle spalle dell’unica punta Denis, come in occasione della gara amichevole contro il Chievo vinta dagli orobici per 3-0.

IL PRECEDENTE. L’ultima volta che il Pisa affronto’ una squadra di serie A, fu proprio in una sfida di Coppa Italia (ma il Pisa era in B) dontro il Napoli neo promosso in serie A, il giorno di Ferragosto del 2006 e cioè qualche mese dopo la promozione dei nerazzurri con al timone Piero Braglia. Sulla panchina nerazzurra sedeva Gianpiero Ventura. il Pisa uscì sconfitto per 3-1 dopo i tempi supplementari ma diede del filo da torcere ai partenopei che ribaltarono il match con una tripletta di Lavezzi dopo la rete del vantaggio nerazzurro con Kutuzov. Nel primo turno in quella occasione il Pisa sul neutro di Pistoia, sconfisse il Brescia per 2-1 con le reti di Ciotola e Castillo, ribaltando l’iniziale vantaggio di Possanzini.

IL PISA ALLA RADIO. Nessuna diretta tv della partita. Chi non potrà essere a Bergamo potrà ascoltare la sfida sulle frequenze su Radio Bruno (102.8 Mhz) e su Punto Radio (91.6 Mhz) con collegamenti e interviste del dopo gara.

STADIO ATLETI AZZURRI D’ITALIA. COSÌ IN CAMPO ALLE ORE 18 – LE PROBABILI FORMAZIONI

ATALANTA (4-4-2): Consigli; Zappacosta, Cherubin, Biava, Dramé; Estigarribia, Cigarini, Carmona, Bonaventura; Boakye, Denis. A disp. Sportiello, Brivio, Stendardo, Benaluane, Spinazzola, Migliaccio, Raimondi, D’Alessandro, Maxi Moralez, Bianchi. All. Stefano Colantuono.

PISA (4-4-2): Pelagotti; Pellegrini, Lisuzzo, Di Cuonzo (Paci) Costa; Finocchio, Iori, Mandorlini, Napoli; Giovinco, Stanco. A disp. Moschin, Rozzio, Sini, Benedini, Morrone, Paci, Anichini, D’Angina, Paci, Frediani, Misuraca Morrone, Arma. All. Piero Braglia.

ARBITRO: Di Paola della Sez. di Avezzano (Ass. Faverani di Lodi- Lo Cicero di Brescia). Quarto uomo: Ghersini di Genova

By