ConfCommercioPisa: “Percorso turistico. Più controlli ai bus, ma la strada intrapresa è quella giusta”

PISA – Non abbassare la guardia, ora che la situazione sul percorso turistico dal parcheggio scambiatore al Duomo sta migliorando. Per Federico Pieragnoli, direttore di ConfcommercioPisa ci sono margini e prospettive per consolidare il lavoro delle ultime settimane.

“Non possiamo negare il fatto che ultimamente si registra un’attenzione diversa da parte delle autorità e delle forze dell’ordine lungo il percorso turistico. Nessuno ha la bacchetta magica e i problemi sono ancora tutti sul tappeto, come la vicenda degli autobus turistici che eludono la tassa di ingresso, scaricando i turisti nelle zone più diverse della città. Su questo e su molti altri aspetti sono necessari interventi radicali, anche se consideriamo sovrastimata la cifra dei due milioni di euro evasi dai bus, considerato che in un solo anno oltre 10.000 autobus eluderebbero la tassa di ingresso, quasi un quinto di tutti i bus che arrivano a Pisa, con una media di 27 autobus al giorno! Si tratta di soldi comunque sottratti alla città e che debbono giustamente essere recuperati. Detto ciò, è importante adesso non abbassare la guardia, proseguendo incessamente in questa opera di bonifica che richiederà tempo, impegno, uomini e risorse per dare i furtti sperati”.

Reduce da un tavolo tecnico in Questura, Silvia Piccini, presidente di Confguide ConfcommercioPisa si definisce “molto soddisfatta del lavoro che si sta facendo lungo il percorso turistico. Riscontriamo segnali di approvazione dalle attività commerciali della zona e la presenza significativa sul territorio delle forze armate e delle forze dell’ordine è una efficace rassicurazione per tutti noi. Siamo in presenza di un servizio di vigilanza e di protezione rafforzato lungo il percorso turistico, una sperimentazione in grande stile che ha permesso di fare pulizia e mettere ordine e che sarà ripresa a partire dalla primavera del 2016. Adesso è importante non mollare la presa e continuare a lavorare tutti insieme lungo questa direzione”.

By