Comune Unico Area Pisana: le considerazioni politiche e delle associazioni

PISA – La serata di ieri organizzata dal Comitato Comune Unico dell’Area Pisana al Ctp 3 di Putignano, è stata molto partecipativa, permettendo di esprimere riflessioni e considerazioni alle due forza politiche, Pd e Pdl e alle associazioni pisane come Amici di Pisa e Stile Pisano.

PARLA LA POLITICA

La rappresentanza politica era formata dalle due parti, Pd e Pdl, che in entrambi i programmi politici delle prossime elezioni hanno inserito il Comune Unico dell’Area Pisana.

Il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi (Pd), uno dei primi promotori, dopo la riunione con l’IRPET del 12 luglio 2012. “La programmazione per creare un unico comune dell’area pisana è affascinante. Non sarà facile metterlo in piedi. Dovremo spiegare anche ai comuni vicini a noi, che questa novità porterà dei benefici in fatto di risparmio. Il cascinese o il calcesano non perderà le sue radici, ma ci guadagnerà come il cittadino pisano. La centralità di Pisa resterà tale e quale. Con 200.000 residenti avremo una forza maggiore rispetto ad oggi e le cose che potremo fare saranno sicuramente di più. Al momento più di questo non possiamo fare. Con il Comune Unico, Pisa potrebbe realizzare una programmazione del territorio che non avrebbe eguali in Italia, senza nulla togliere a Lucca e a Livorno. Pisa diventerebbe un territorio innovativo e di fortissima riforma e acquisterebbe grande valore anche al di fuori della nostra città.

Non poteva mancare all’appuntamento neanche Riccardo Buscemi (Pdl) che ha aperto il suo discorso ringraziando il Comitato per l’invito. “Sono contento per questa serata, il vostro comitato ha fatto una grande ricerca su questo progetto del Comune Unico che è nel primo punto del programma del Pdl pisano. Da tempo serpeggia in città questa idea e ci sono molte aperture e sarebbe molto bella metterla in pratica, non con soluzioni ibride, ma con passi concreti che poi devono essere mantenuti. Se è questa la strada da seguire ben venga il Comune Unico dell’Area Pisana. Dovremo far capire alle persone degli altri comuni che l’unione fa la forza e non indebolisce la nostra città che prenderà sempre più piede, diventando la seconda dopo Firenze”.

PAROLA ALLE ASSOCIAZIONI

Gabriele Della Croce (rappresentante Stile Pisano): Spero che il Comune Unico si possa realizzare e che possa essere studiata una forma in maniera certosina. Le fusioni non devono partire dall’alto, ma dal popolo. Abbiamo un esempio all’Elba quando al referendum il Comune Unico fu bocciato dal 75% degli elettori, perché non c’è stata la giusta sensibilizzazione da parte dei cittadini. Questa serata non dovrà concludersi qua, ma dovrà avere un seguito per mandare un messaggio: si dovrà creare il Comune Unico dell’Area Pisana“.

Franco Ferraro (Presidente Amici di Pisa): Creare un Comune Unico dell’Area Pisana sarebbe un successo. Bisogna però puntare a fare delle riforme che hanno importanza soprattutto dal punto di vista economico. Il primo punto dovrà essere il risparmio intelligente senza Municipi nei vari comuni, con l’idea di diventare la seconda forza della Toscana“.

Alessandro Tolaini (Associazione Pisa Stadium): “Abbiamo aderito molto volentieri a questa discussione pubblica perché il Comune Unico dell’Area Pisana è una grande idea da sviluppare. Pisa Stadium è un associazione di professionisti (Ingegneri, Architetti, storici dell’arte, archeologi, agronomi) che è sorta da pochi mesi per mettere a disposizione della città il nostro sapere. Noi stiamo al momento monitorando i punti strategici dovrebbe essere costruito il nuovo stadio e il recupero della Nuova arena Garibaldi. Siamo qui per dire che il nostro operato sarà presente anche con l’avvento del Comune Unico Area Pisana“.

20130515-183434.jpg

IL SINDACO DI PISA MARCO FILIPPESCHI (FOTO PISANEWS)

 

20130515-183506.jpg

IL CANDIDATO PDL PISANO RICCARDO BUSCEMI (FOTO PISANEWS)

SOTTO GABRIELE DELLA CROCE (ASSOCIAZIONE STILE PISANO – FOTO PISANEWS)

 

20130515-183555.jpg

ALESSANDRO TOLAINI (ASSOCIAZIONE PISA STADIUM – FOTO PISANEWS)

You may also like

By