Comune Unico Area Pisana. Ieri sera a Putignano la presentazione ufficiale del progetto del nuovo Comitato

PISA – Si è tenuto ieri sera presso il Ctp 3 di Putignano di Via Ximenes la presentazione pubblica del progetto del Comune Unico dell’area pisana

presentato da un nuovo comitato che è sorto meno di un mese fa e che promuoverà anche con altre iniziative, l’unione appunto di un grande Comune Unico dell’area pisana che porterebbe la nostra città a 200.000 abitanti.

Il tutto si è svolto grazie all’ospitalità di Juri dell’Omodarme, presidente del Ctp 3, cha ha messo a disposizione la sala conferenze. Sono intervenuti il Sindaco di Pisa marco Filippeschi (Pd) e Riccardo Buscemi, che hanno a lungo caldeggiato questo progetto inserendolo anche nel programma elettorale e anche le associazioni che si sono battute per gli interessi della città come Stile Pisano e Amici di Pisa.

Filippo Bovo e Simone Lo Monaco, uno dei due promotori del Comitato Unico Area Pisana, hanno presentato il progetto attingendo anche ai dati comunali con cifre che dimostrano quanto sarebbe utile riorganizzare il nostro territorio unendo i sei comuni dell’area pisana (Calci, S. Giuliano Terme, Vecchiano, Cascina e Vicopisano.

“La parole Comune Unico non dovrà essere più un tabù – esordisce Simone Lo Monaco – perchè Pisa potrà solo beneficiare di questo aspetto soprattutto in termini monetari. Abbiamo creato il Comitato Comune Unico Area Pisana per dare forza a questo progetto. Firenze a breve potrà diventare città metropolitana e quindi noi dobbiamo esser pronti a cambiare. Riuscendo ad organizzare il Comune Unico potremmo diventare la seconda città della Toscana e questo non è cosa da poco. Noi sensibilizzeremo da qui in avanti il progetto e faremo capire anche ai comuni a noi vicini che anche loro possono avere un guadagno da questa riorganizzazione del territorio”.

Qualche numero. Il Comitato Unico ha rielaborato inoltre i dati del perchè dello spopolamento in città e il cambiamento che Pisa ha avuto dal 1981 ad oggi. SI è passati dai 104.509 abitanti agli attuali 91.000, anche se il dato è ancora da verificare con passivo abbastanza netto. I perchè dello spostamento delle persone nei comuni limitrofi sono tanti. Il primo è quello dei costi degli immobili. Infatti è necessario – sempre come dicono i dati – spostarsi di 10 Km per risparmiare sull’acquisto di una casa. Dal 2002 al 2009 Pisa ha perso 880 abitanti l’anno che si sono spostati verso Cascina (450), S. Giuliano (250) e Vecchiano, Calci e Vicopisano (180). Numeri che devono far riflettere come le spese di costruzione. Infatti si è costruito di gran lunga di più a cascina che non nella nostra città.

Risparmio amministrativo. Con il progetto del Comune Unico dell’Area Pisana si potrebbe risparmiare anche sotto l’aspetto amministrativo – sempre seguendo i dati rielaborati dal Comitato – in quanto si voterebbe per un unico Sindaco anzichè per sei e per un unico consiglio comunale e consiglieri e assessori diminuirebbero di gran lungo, garantendo però i medesimi servizi, creanun municipio per comune, che gestirebbe come di fatto succede adesso tutta l’amministrazione con un Presidente delegato ogni volta a partecipare al Consiglio comunale. Il Municipio avrebbe anche il compito di curare i rapposti con il territorio e tenere i contatti con enti e associazioni varie. Un tramite importante che darebbe fiato all’economia e potrebbe garantire anche una maggiore sicurezza sul territorio. Questi i dati forniti. I risparmi sarebbero del 20% sui contributi e trasferimento statale dopo 10 anni. La riduzione degli organi territoriali avrebbe un beneficio pari a 598 mila euro. Le prestazioni di servizi calrebbero in fatto di costi del 4%, quelli del Personale del 5% mantenendo le medesime persone al lavoro.

Percorso. “Naturalmente realizzare questo progetto non sarà facile – dice il Comitato – saranno due le strade da percorrere che consistono nel presentare una proposta alla Regione Toscana indire un referendum e poi promulgare la legge Regionale oppure passando dai canali politici attraverso sempre però una raccolta di firme ed un referendum popolare. Il Comitato Unico dell’Area Pisana fa sapere che per domande e delucidazioni è già on line il sito www.comuneunicoareapisana.it  e che a breve ci saranno altre iniziative.

NELLA FOTO SOTTO DA SINISTRA FILIPPO BOVO E SIMONE LO MONACO (FOTO PISANEWS)

20130515-121549.jpg

You may also like

By