Chiesa della Qualquonia. Antoni: “Sgomento e indignazione. Salviamola”

PISA – “Con sgomento e indignazione – così scrive l’esponente pentastellata Valeria Antoni– apprendiamo della caduta di un travicello della Chiesa di Sant’Antonio della Qualcuonia.

20141209-200842.jpg

Sgomento e indignazione perché come forza politica ci siamo spesi sin dalla campagna elettorale del 2013 per far conoscere alla città la Chiesa, proseguendo con appelli che sono, purtroppo, caduti nel vuoto. Ci siamo attivati con un tam tam mediatico attraverso anche i nostri canali di informazione, al punto che la nostra senatrice Sara Paglini volle intervenire di persona per assicurarsi lo stato dell’arte e dai banchi del Senato lanciò un appello il 21 febbraio scorso.

Nell’occasione del sopralluogo compiuto dalla stessa Senatrice ci siamo poi presi la briga di ricomporre faticosamente il mosaico costituito dalle preziose tele del cassettonato che con ignavia tipica della burocrazia venero smembrate in più magazzini. L’assessore Serfogli in quell’occasione promise la messa in sicurezza del cassettonato ligneo del ‘600, una delle più belle opere di maestranze locali nel tessuto artistico pisano, così come affermato anche da numerosi critici d’arte. Eppure a nulla è valso l’accorato appello, a nulla è valso il grido d’allarme e le promesse di messa in sicurezza. La Chiesa come tante altre opere d’arte di questa città – conclude Antoni – si sta sbriciolando in silenzio. Evidentemente la struttura cinquecentesca è sorda alle promesse”.

Fonte: Ufficio Stampa Consiglio Comunale Ufficio Stampa

By