Cgil Pisa presidio in Via Bonaini. Molti gli attestati di solidarietà

PISA – La Cgil di Pisa ha lanciato presso la propria sede cittadina in Viale Bonaini un presidio per ribattere alle violenze culminate nell’attacco della sede nazionale. Molte le istituzioni che sono intervenute portando al sindacato più longevo d’Italia la propria solidarietà.

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”. È partita dal primo articolo della Costituzione l’assessora all’istruzione, formazione e lavoro, Alessandra Nardini, partecipando da Pontedera alla 71esima Giornata nazionale per le Vittime degli incidenti sul lavoro organizzata da Amnil. Ha voluto sottolineare così l’importanza della parola “democratica” per esprimere solidarietà alla Cgil dopo l’attacco squadrista di Roma, e, allo stesso tempo, per evidenziare l’importanza del diritto al lavoro in condizioni di piena sicurezza. “Esprimo sincera e convinta solidarietà alle compagne e ai compagni della Cgil per il vile attacco fascista di ieri.
L’ho fatto immediatamente ieri, contattando la segretaria generale della Cgil Toscana e torno a farlo oggi. Stamani non sono fisicamente presente  ai presidi organizzati presso le sedi del sindacato proprio per partecipare alla Giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro e da qui ci tengo a ribadire la mia più ferma condanna rispetto a quanto accaduto. Lo squadrismo, le intimidazioni, la violenza vista ieri a Roma ci riportano con la mente alla stagione più buia e vergognosa della nostra recente storia. Dobbiamo dire con forza che nel nostro Paese non c’è spazio  per organizzazioni neofasciste e neonaziste, che quindi vanno sciolte al più presto come prevede la Costituzione
“, ha detto l’assessora, con l’orgoglio di rappresentare “una Regione che ha come proprio simbolo, raffigurato nel gonfalone, il Pegaso alato utilizzato proprio dal Comitato toscano di Liberazione nazionale. La Toscana, terra di diritti e libertà, affonda le proprie radici nei valori dell’antifascismo e della Resistenza. Le istituzioni tutte sono chiamate ad un maggiore impegno e ad una maggiore responsabilità nell’affrontare il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro“, ha poi continuato Nardini concentrandosi sul tema della Giornata Amnil. “Accanto alle istituzioni serve anche l’impegno di tutte la parti sociali, delle imprese, dei sindacati. Non dobbiamo fermarci alle commemorazioni delle vittime, ma dobbiamo saper agire con concretezza” ha detto l’assessora, citando come esempio positivo il protocollo d’intesa siglato nel giugno scorso tra Regione Toscana, Ufficio scolastico e Amnil per promuovere e diffondere la cultura della sicurezza nelle scuole anche grazie alle preziose testimonianze di chi ha avuto un incidente sul lavoro. Vanno naturalmente aumentati e resi più efficaci i controlli, fatte applicare le leggi“, ha aggiunto Nardini. “Restano però centrali la formazione e la necessità di aumentare la consapevolezza, a partire dalle future lavoratrici e dai futuri lavoratori che si formano nelle scuole e nei Cpia, Centri provinciali istruzione adulti, perchè è tra i banchi di scuola che si può e si deve apprendere la cultura della sicurezza“.

Quello che è successo alla sede nazionale della CGIL è inaccettabiledichiara Dario Campera, segretario Generale Cisl Pisa. “E’ solo l’ultino di una serie di atti violenti contro le organizzazioni dei lavoratori.  Il sindacato è una delle massime espressioni della democrazia, la stessa che permette a queste persone di poter manifestare, ma certamente non di usare questa violenza. Non sarà qualche idiota a fermare il mondo sindacale e per rispondere con forza a questo clima che sta inquinando la nostra società, organizzeremo per il prossimo 16 ottobre una manifestazione unitaria contro questi atti fascisti, per sostenere la democrazia, il sindacato, il lavoro” Conclude Dario Campera“. La Cisl di Pisa è vicina a tutti i dirigenti, delegati ed iscritti CGIL.”

Solidarietà alla Cgil arriva anche dalla Biblioteca Franco Serantini Istituto di Storia Sociale, della Resistenza e dell’età Contemporanea della provincia di Pisa e l’Associazione Amici della Biblioteca Franco Serantini per il vile attacco squadrista alla sede nazionale di Roma del 9 ottobre. “Pensiamo che la risposta a simili atti debba fondarsi sulla salvaguardia e sulla diffusione della memoria storica dell’antifascismo, sulla vigilanza contro il risorgere di simili posizioni e azioni e nel maggiore impegno nella comune battaglia per la difesa di tutti i lavoratori.  Le iniziative svolte insieme alla Camera del lavoro di Pisa nel recente passato dimostrano una vicinanza che in questi momenti vogliamo ricordare ed evidenziare, momenti che ci devono spingere tutti ad una maggiore determinazione nel rafforzare ed ampliare l’impegno nei rispettivi ambiti d’intervento ed in prossime iniziative comuni“.

Giuseppe Sardu, presidente di Acque SpA, in merito all’assalto alla sede della CGIL di Roma da parte di militanti di estrema destra, nel corso di una manifestazione no-vax ha voluto recarsi di persona alla Cgil di Pisa per portare la sua solidarietà. “Questa mattina ho portato la mia personale solidarietà e quella dei lavoratori di Acque alle lavoratrici e ai lavoratori della CGIL di Pisa presso la sede di viala Bonaini. Sono passati cento anni da quando assaltavano le case del popolo o le sedi sindacali. Adesso ci riprovano, ancora una volta. L’obiettivo sono i lavoratori e il presidio democratico rappresentato dai sindacati. Attaccano con violenza le forze dell’ordine e vogliono impadronirsi delle città. Gridano “Libertà! Libertà!” ma scimmiottano il peggior squadrismo fascista. Sono sicuro che lo Stato e l’opinione pubblica sapranno reagire con la necessaria durezza, senza sconti e senza indulgenza per chi organizza, pratica e copre la violenza”.

By