Case popolari, si avvicina la consegna dei 39 appartamenti di Sant’Ermete

PISA – Procede il percorso di riqualificazione del quartiere di Sant’Ermete a Pisa.

Si avvicina infatti la consegna dei 39 nuovi alloggi popolari realizzati in via Emilia grazie al cantiere partito a marzo 2018. Il tutto per un investimento complessivo di oltre 3,3 milioni di euro. Nei giorni scorsi la Giunta comunale ha approvato una delibera con la quale si dettano le disposizioni attuative per permettere il trasferimento dei nuclei familiari di del quartiere nei nuovi alloggi di via Emilia.

In attesa della consegna dei nuovi alloggi – dichiara l’assessore al sociale, Gianna Gambaccini – abbiamo approvato una delibera di Giunta che prevede, tra i vari elementi, due novità. La prima riguarda il fatto che i nuovi appartamenti saranno assegnati non solo ai nuclei assegnatari ordinari ma, in via subordinata, anche ai nuclei  in emergenza abitativa residenti negli alloggi di prossima demolizione, famiglie che si sono ben integrate nel quartiere. La seconda novità riguarda la possibilità di far spostare nei nuovi appartamenti, trattandosi di mobilità d’ufficio, anche le famiglie che si trovano in una situazione di morosità: il debito accumulato da questi nuclei, però, rimane e non verrà estinto, verrà solo congelato momentaneamente“.

Nello specifico dei 39 nuovi appartamenti sono stati realizzati:  31 alloggi di 45 mq (1 camera), 7 alloggi di 60 mq (2 camere) e 1 di 85 mq (3 camere); ogni appartamento ha la cantina di pertinenza e usufruisce di una sala polivalente comune. Sempre a Sant’Ermete è inoltre in fase di ultimazione l’edificio B, dove verranno realizzati 33 nuovi alloggi. In questo caso la consegna è prevista entro l’estate 2022.

«Da quando ci siamo insediati nel giugno del 2018 ad oggi – prosegue Gambaccini – sono stati ristrutturati e assegnati circa 200 alloggi popolari per un investimento complessivo di 2,3 milioni di euro. A questi si aggiungeranno presto i 39 nuovi appartamenti di Sant’Ermete e, nel 2022, gli altri 33 alloggi dell’edificio B, attualmente in fase di ultimazione. Nel mese di ottobre è inoltre prevista l’assegnazione da parte di Apes di altri 24 alloggi. Ricordo infine che con l’ultima variazione di bilancio la nostra amministrazione ha investito altri 900 mila euro per gli alloggi di risulta, ossia quegli alloggi Erp lasciati liberi dai precedenti inquilini che devono essere risistemati per essere nuovamente affittati. Numeri importanti che segnano un netto cambio di passo rispetto a quanto avveniva in passato e dimostrano come quello dell’edilizia popolare sia uno dei temi prioritari della nostra azione amministrativa».

By