Bruciante sconfitta per il CUS Pisa contro lo Sporting Rosta

Sporting Rosta – CUS Pisa 5 – 4
CUS Pisa: De Santis, Principato, Macias, Birindelli, Cofrancesco, Pagano, Randazzo, Vasarelli, Borsacchi, Umalini, Franco, Bruni. All. Lami
Reti: Vasarelli, Franco 3

Sfuma per i cussini l’occasione per fare il salto di qualità in una stagione finora al di sotto delle proprie possibilità dopo la sconfitta esterna subita per 5-4 contro lo Sporting Rosta. Non basta la tripletta di Franco e la sesta rete stagionale di Vasarelli, i gialloblu sono adesso al terzultimo posto, anche se la zona playoff dista solo 6 punti.

LA GARA – I cussini arrivano all’appuntamento con il Rosta forti della vittoria di sabato scorso contro il Castellamonte. La gara inizia con i padroni di casa subito avanti, ripresi dopo poco da Vasarelli. I torinesi sono determinati a fare risultato dopo quattro sconfitte e due pareggi fino a questo momento e traducono la loro voglia in un rapido assalto che li porta velocemente sul 3-1. Ancora una volta è Vasarelli a tirare le redini della squadra, ma è Franco a siglare il gol del 3-2. Termina il primo tempo con questo risultato e nella ripesa il Rosta torna nuovamente sul doppio vantaggio. Lami mette il portiere di movimento e cambia stile di gioco, è così che arrivano altre due reti di Franco e i gialloblu riagguantono la partita sul 4-4. Sul più bello, come spesso è accaduto in questa stagione, il CUS Pisa deve fare i conti con il suo più grande nemico: la testa. La squadra resta sulle gambe e sembra avere paura di vincere. La determinazione di trovare il primo successo in campionato per il Rosta è più forte e arriva la rete del 5-4. Inutili gli ultimi due minuti di gara col portiere di movimento per il CUS Pisa che perde un’altra occasione di riscattare la propria stagione.

COMMENTO – Sabato prossimo sarà ospite della struttura geodetica di Via Chiarugi la Poggibonsese, sopra di due punti in graduatoria. Sarà una partita fondamentale, forse il vero crocevia della stagione, per capire di che pasta è fatta la squadra.

By